Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – (di Pierpaolo Sergio) Facciamo il punto sulla prima giornata di campionato di Prima Divisione di Lega Pro appena passata in archivio, ricordando che, trattandosi di un raggruppamento con numero dispari (17) di club iscritti, riposava il Gubbio.

Di seguito i risultati registrati nel Girone B: Nocerina-Perugia 2-2 (giocata venerdì); Barletta-Pisa 0-1; Benevento-Paganese 2-1; Catanzaro-Viareggio 1-1; Frosinone-Ascoli 2-1; L’Aquila-Prato 0-0; Pontedera-Grosseto 5-2; Salernitana-Lecce 2-1.

Analizzando ciò che ha detto il campo, unico ed inappellabile giudice, non sembrerebbero essersi verificati inattesi esiti nelle gare che vedevano impegnate quelle che gli addetti ai lavori indicano come dirette concorrenti del Lecce nella lotta per la promozione diretta finale in serie B.

Appaiono infatti degne di nota la vittoria in trasferta, di misura e senza brillare del Pisa sul campo del Barletta, il sofferto successo (un rigore fallito) e con un uomo in più del quotato Benevento nella sfida tra corregionali contro la Paganese, come pure l’affermazione del Frosinone (in 10 nei minuti finali) di mister Stellone sulla nobile decaduta Ascoli, passata per prima in vantaggio, oltre alla goleada del Pontedera che, sul proprio terreno in sintetico, ha rifilato addirittura un roboante 5-2 al Grosseto in uno dei vari derby toscani in calendario quest’anno, con una tripletta di Arrighini, capocannoniere del girone.

La battuta d’arresto del Lecce con l’altra contendente al salto di categoria, la Salernitana, impone dunque agli uomini di mister Moriero un pronto riscatto nella prima gara casalinga della stagione, in programma domenica prossima, ancora in notturna (fischio d’inizio alle ore 20:30) quando se la dovranno vedere con L’Aquila. Gli abruzzesi non sono andati oltre lo 0-0 interno col Prato, cogliendo una traversa, mentre il Prato aveva sfiorato il gol con un salvataggio sulla linea.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.