LECCE – Il presidente Saverio Sticchi Damiani è il solo a parlare in casa Lecce al termine della gara pareggiata 1-1 con il Monza. I salentini non hanno digerito gli errori arbitrali che hanno penalizzato la squadra giallorossa. Da qui la scelta di metterci la faccia in sala stampa da parte del massimo dirigente del club di via Costadura.

“Parlo io per evitare che i tesserati rilascino dichiarazioni. Il tema centrale della partita riguarda due episodi con falli di mano evidenti e lampanti. L’arbitro non avrebbe avuto neppure bisogno del VAR. Oggi la squadra avrebbe meritato di stravincere ma inspiegabilmente arbitro e VAR non hanno visto quel che è successo in campo, il che è davvero inspiegabile… Io rappresento un club che ha una sua storia e una sua dignità. Quando un direttore di gara commette qualche errore, cerco sempre di giustificarlo, ma oggi non riesco a trovare un’interpretazione che consenta di giustificare quel che tutti abbiamo visto. Veniamo da una retrocessione dovuta proprio da errori arbitrali ed ai nostri tesserati raccomandiamo massima educazione verso gli arbitri, ma pretendiamo anche noi rispetto“.

“Nel primo episodio – sottolinea Sticchi Damiani – Molina va a cercare il pallone ed è chiarissimo. Chi sta al VAR dovrebbe vederlo senza problemi. Il secondo episodio è ancor più evidente, ma anche in quel caso non c’è stato nessun intervento. Per noi un danno gravissimo che crea imbarazzo in me e nella mia tifoseria. Siamo la sesta tifoseria per numero di abbonati in Italia e non riesco a giustificare chi decide perché mi sembra di prendere in giro i miei tifosi”.

“Sono molto contento della prestazione della squadra che ha dato l’impressione di credere alla salvezza. Abbiamo bisogno di crederci tutti e del sostegno dell’ambiente. Ma mai come oggi sono certo che questo gruppo può dire la sua nella corsa alla permanenza”.

“Come ci muoveremo nelle sedi istituzionali? Le abbiamo sempre frequentate puntualmente seguendo ciò che Rocchi ha voluto creare per forma di collaborazione. Non voglio offendere nessuno ma non trovo appigli regolamentari per giustificare logicamente gli errori di questi arbitri. Noi continueremo ad essere rispettosi come sempre, trattando bene e rispettando la classe arbitrale, ma altrettanto pretendiamo come Lecce. Meglio chiarire che vogliamo giocarci con tutte le nostre forze ed energie questa salvezza. Alla squadra dico che il suo messaggio lo ha già dato oggi contro un Monza super-attrezzato. Non era una gara contro un avversario pari livello e nonostante ciò, ha avuto la possibilità di stravincere. Questa squadra ha tutto per potersi salvare. Mi ha dato prova di continua crescita. Se la gente è con noi e ce lo dimostra, come sta facendo, tutti insieme possiamo raggiungere un risultato pazzesco contro tutto e contro tutti. Voler cercare qualcosa che non è andato o che ci manca è ingeneroso. La delusione dell’ambiente deve trasformarsi in rabbia perché siamo soli e oggi lo si è capito. Il pubblico ci ha sostenuto come fa sempre. Quando ci sono tutte le componenti i conti si faranno alla fine”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.