Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Altra giornata di grandi emozioni e graditi ospiti alla Mostra “Passione Lecce – La Storia che continua a ricevere centinaia di visite al giorno nelle sale dell’ex Convitto Palmieri, come pure la partecipazione di calciatori e dirigenti dell’U.S. Lecce. Oggi pomeriggio, dapprima c’è stata una delegazione della formazione Primavera ad ammirare le maglie, i trofei ed i cimeli che il sodalizio del capoluogo salentino ed i suoi tifosi hanno collezionato in oltre 110 anni di storia.

Poi è stata la volta del Direttore dell’Area Tecnica Pantaleo Corvino e il Direttore Sportivo Stefano Trinchera che hanno salutato i tifosi presenti e poi si sono concessi alle domande della Stampa che era presente all’incontro. Ad accogliere ed intervistare gli ospiti ha fatto da padrone di casa il giornalista Pierpaolo Sergio, direttore de Leccezionale, che li ha introdotti al pubblico, insieme ai colleghi Umberto Verri, Antonio Greco, Pierandrea Casto, Alessio Amato, Matteo Bottazzo e Gabriele De Pandis.

I due dirigenti hanno parlato delle emozioni provate nel vedere  in sol colpo d’occhio tutte quelle maglie storiche esposte, ricordando aneddoti legati ai calciatori che le hanno indossate (in particolare Marco Cassetti ed il compianto Klas Ingesson), considerazioni sul fondamentale supporto garantito dai tifosi del Lecce sia in casa che in trasferta, della possibilità di realizzare un museo permanente dedicato alla squadra giallorossa, ma anche dell’attualità che si chiama big-match contro il Parma e del desiderio di riportare la squadra laddove merita per regalare ai propri supporters altre pagine da ricordare.

La mostra prosegue speditamente verso la seconda settimana di apertura, ricordiamo a tutti che resterà visitabile presso il Convitto Palmieri fino al 15 novembre al mattino dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e nel pomeriggio dalle ore 16:00 alle ore 21:00, con ingresso libero.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.