Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Dante nei media” è il tema della nuova iniziativa organizzata dall’Università del Salento nell’ambito delle “Celebrazioni dantesche” per i 700 anni dalla morte del Poeta: l’appuntamento è per oggi, giovedì 4 novembre, negli spazi del complesso Studium2000 in via di Valesio a Lecce, dove si svolgeranno un convegno in mattinata, un incontro sul teatro nel primo pomeriggio e un concerto alle ore 18:00. Il programma è stato messo a punto dal corso di laurea in Scienze della comunicazione, dall’associazione Palchetti Laterali e dal Centro Studi Medievali UniSalento. «Dopo l’ampio successo del convegno “La mente di Dante”, il comitato organizzatore per le celebrazioni dantesche della nostra Università propone una giornata dedicata alla fortuna dell’opera di Dante nei media e nello spettacolo», spiega il professor Stefano Cristante, Delegato alla Comunicazione e Presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione, «Un’iniziativa che sarà preludio di una grande manifestazione che si svolgerà nel corso del 2022».

Nell’aula 7 dell’edificio 6, mattinata dedicata alla tavola rotonda su cinema, televisione e fumetto con i professori Stefano Cristante Luca Bandirali, il giornalista Raffaele Gorgoni, l’architetto e vignettista Emilio Guazzone e il saggista Gianni Di Giuseppe. I lavori riprenderanno alle ore 15:00 con un dialogo con il regista e drammaturgo Federico Tiezzi, a cura di Maria Chiara Provenzano, a proposito del suo adattamento della Commedia per la scena. La giornata si concluderà alle ore 18:00, nel seminterrato dell’edificio 5, con un concerto del maestro Francesco Libetta. Utilizzando per la prima volta un raro e prezioso pianoforte Erard restaurato dal maestro Giorgio Manni, il pianista salentino specialista del repertorio romantico eseguirà un programma appositamente ispirato al rapporto con Dante, con brani di Čajkovskij, Liszt e Delucchi.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.