Tempo di lettura: 5 minuti

LECCE – In queste settimane gli occhi del Vecchio Continente sono tutti puntati sugli Europei di calcio, un’occasione per tifare tutti insieme la propria nazione e godere delle giocate dei più grandi campioni. Se Francia, Inghilterra e Belgio risultano essere tra le favorite, però, non sono da escludere interessanti sorprese: dove si festeggerà allora la vittoria finale?

Europei 2020: le principali candidate alla vittoria secondo gli esperti – Fare un pronostico su europei e mondiali di calcio non è mai semplice: come visto nelle passate edizioni (si pensi alla Grecia nel 2004, il cui “miracolo” viene ricordato anche da Operazione Nostalgia, o alla Danimarca nel 1992), infatti, le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Dando uno sguardo alle rose e al rendimento degli ultimi mesi, è tuttavia possibile avere un quadro abbastanza chiaro su cosa attendersi. I maggiori portali dedicati al betting come Betway, hanno già nelle settimane scorse stilato le proprie preferenze per quanto riguarda le probabilità di vittoria dell’Europeo 2020. Grazie anche alla presenza di campioni come Mbappé, Kane e Lukaku, capaci di fare la differenza in ogni situazione, Francia, Inghilterra e Belgio si sono presentate ai nastri di partenza come le vere favorite del torneo Euro 2020.

Francia, è lei la grande favorita di Euro2020? – Gran parte degli analisti concorda sul fatto che la Francia sia la principale indiziata da siti di scommesse come Betway per la vittoria agli Europei 2020, poiché forte di una rosa davvero completa e ricca di talenti che nei rispettivi club hanno saputo mostrare tutto il loro valore. L’occasione è dunque ghiotta per “vendicare” il secondo posto dell’edizione 2016, soprattutto se si pensa che i transalpini si ritrovano nel girone eliminatorio proprio con quel Portogallo vittorioso in finale ai tempi supplementari e con la Germania, a sua volta battuta in semifinale con la pesantissima doppietta di Griezmann. Attuali campioni del mondo, i francesi presentano una formazione di altissimo valore, che può contare su nomi del calibro di Kylian Mbappé, pezzo pregiato del PSG, N’Golo Kantè, protagonista dello storico titolo del Leicester nel 2016 e della recente cavalcata in Champions League del Chelsea, ma anche Giroud, Pogba, Benzema e Sissoko, che da soli possono far venire i brividi a qualsiasi avversaria. Insomma, la nazionale guidata da Deschamps parte con tutti i favori del pronostico: riusciranno i galletti a rispettarlo?

Inghilterra a caccia del suo primo titolo continentale – Non è la prima volta che l’Inghilterra si presenta a una competizione internazionale come una delle favorite per la vittoria finale, eppure molto spesso la delusione ha preso un rapido sopravvento sulla fiducia iniziale, con sconfitte ed eliminazioni davvero brucianti e inattese. I tifosi britannici sperano che quest’anno la storia sia differente, potendo contare su una rosa davvero interessante. Ovviamente il nome di punta della formazione allenata da Gareth Southgate è quello di Harry Kane, capocannoniere della Premier League con 23 gol, miglior assist-man del campionato e miglior marcatore nel girone di qualificazione. Forte fisicamente ma anche agile e dalla tecnica sopraffina, Kane si candida di sicuro a essere uno dei protagonisti del torneo, ma se tutta la squadra dovesse girare bene, è l’intera Inghilterra a far tremare le concorrenti. Di questo ne è consapevole anche Roberto Martinez, commissario tecnico del Belgio, che come riporta Tuttomercatoweb vede proprio nei britannici i veri favoriti.

I Diavoli Rossi del Belgio pronti a puntare in alto – Anche riguardo alla nazionale belga negli ultimi anni si sono sprecati commenti molto positivi, purtroppo non seguiti da altrettanti successi sul campo. I Diavoli Rossi però sono cresciuti davvero molto e possono oggi vantare diversi campioni in rosa, a partire dal devastante Romelu Lukaku a cui si affiancano Hazard, De Bruyne, Mertens, Castagne e molti altri profili di grande valore. Sulla carta il Belgio può dire la sua, tanto da essere considerata una delle principali indiziate per la vittoria finale, ed Euro 2020 può davvero essere l’occasione per uno storico risultato.

Spagna, Portogallo, Italia, Germania o un’outsider: chi insidierà le grandi favorite? – Se il calcio fosse matematica, probabilmente il discorso Euro 2020 potrebbe già chiudersi parlando delle tre maggiori favorite dai bookmakers, ma per fortuna, come dimostrato già dalle prime partite, le certezze sono davvero poche: ecco allora quali potrebbero essere le altre protagoniste della competizione. Pur avendo perso lo smalto di qualche anno fa, per esempio, la Spagna resta una delle migliori squadre europee, pronta a far male a qualsiasi avversaria. Meno tecnica rispetto a una decina d’anni fa, ma un’ottima difesa e diversi talenti, da Morata a Ferran Torres, che in giornata sì possono fare la differenza.

Stesso discorso per il Portogallo campione in carica, chiamato a difendere la vittoria del 2016 con una squadra potenzialmente anche più forte della scorsa edizione. In realtà il durissimo girone eliminatorio con Francia, Germania e Ungheria, unito a una difesa che non ha brillato nelle qualificazioni, fa andare con i piedi di piombo gli stessi esperti: il rischio, infatti, è che il talento individuale possa non bastare per andare avanti.

Tra le pretendenti alla vittoria finale, impossibile poi non citare l’Italia di Roberto Mancini e la Germania: gli azzurri, in particolare, vengono da una lunga serie di vittorie che ha dato morale e fiducia all’intera squadra, in cui peraltro non mancano validi talenti come Barella, Insigne e Immobile. Il valore complessivo della rosa è certamente inferiore alle corazzate sopra descritte, ma l’entusiasmo potrebbe giocare un ruolo fondamentale.

Se, infine, si desidera puntare su una vera e propria outsider a sorpresa, la Croazia di Modric e la Danimarca potrebbero essere le mine vaganti. Le due nazionali già in passato sono state in grado di sovvertire i pronostici iniziali, dunque perché non dare loro fiducia?