Tempo di lettura: 2 minuti

Dieci vittorie su dieci nelle qualificazioni, 40 gol fatti, solo 3 gol subiti. Una squadra del genere, con numeri così, non può non ambire ai più alti traguardi. Nello specifico, la squadra di cui parliamo è il Belgio e l’alto traguardo è l’Europeo di calcio appena cominciato.

Gli addetti ai lavori hanno pochi dubbi: tra le squadre favorite, come dimostrano le quote Europei 2021 dei principali bookmaker, insieme a Francia, Spagna e Italia c’è il Belgio di Lukaku e De Bruyne, Mertens ed Eden Hazard.

La squadra agli ordini del tecnico Martinez da anni è tra le più forti del mondo, anzi: il ranking Fifa la colloca davanti a tutte. Dunque, la nazionale belga non può nascondersi: vincere gli Europei è un obiettivo concreto. Il Belgio ha una rosa con alcuni tra i migliori interpreti del gioco del calcio al mondo. Su tutti, Romelu Lukaku, protagonista assoluto dell’Inter campione d’Italia, secondo l’ex portiere del Bayern Monaco Pfaff il miglior attaccante al mondo, il giocatore che può fare la differenza e portare la sua nazionale alla vittoria.

Accanto a Romelu Lukaku, c’è lo straordinario De Bruyne: a 29 anni, il centrocampista del Manchester City è un giocatore totale, in grado di cambiare le sorti di una gara con un unico gesto tecnico. In particolare, l’intesa con Lukaku promette scintille: Lukaku apre spazi e si infila in corridoi che solo un giocatore di altissimi livello come De Bruyne può trovare.

Ai due campioni si aggiunge Eden Hazard che, nonostante la crisi che sta vivendo negli ultimi tempi, è sempre uno dei trequartisti più dotati del panorama calcistico internazionale. Non dimentichiamoci poi di Mertens: l’età avanza, ma il giocatore del Napoli è sempre un attaccante pericoloso, capace di aprire spazi e sfruttare quelli aperti dal compagno di reparto Lukaku.

Dietro, la difesa può contare su giocatori di esperienza come Alderweireld e Vertonghen insieme a Denayer oppure Vermaelen. Davanti alla difesa, assente Witsel (comunque tra i convocati) per i postumi di un brutto infortunio, può giocare Tielemans, protagonista col Leicester di una stagione brillante.

La squadra del commissario tecnico Martinez ha una spiccata vocazione offensiva, con una buona varietà di schemi d’attacco: recuperata palla, può appoggiarsi subito su Lukaku oppure su uno dei due trequartisti dietro l’attaccante, costruire l’azione dal basso, contando sull’abilità di palleggio dei propri giocatori, o ancora allargare sulle fasce, su Carrasco e il già citato Hazard e contare sulle loro abilità nel dribbling. Come sempre, il campo darà le risposte: il campionato Euro2020 appena cominciato ci dirà se finalmente il Belgio dei fenomeni riuscirà a portare a casa il trofeo.