Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – Dici LecceAscoli e tornano alla mente indelebili ricordi legati a personaggi di entrambe le società che hanno fatto la storia dei rispettivi club, se non di entrambi. Ci riferiamo ai due vulcanici presidenti quali sono stati Franco Jurlano e Costantino Rozzi, i tecnici Mimino Renna e Carletto Mazzone, oltre a tanti calciatori che hanno militato su entrambe le sponde e che hanno sempre onorato le maglie dei due club.

Ma Lecce-Ascoli è anche la grande paura per Manuel Scavone accasciatosi esanime in campo dopo appena pochi secondi dal fischio d’inizio del match che si giocava il 1° febbraio 2019 dopo un violento scontro testa contro testa con l’ex giallorosso Giacomo Beretta. Lunghi minuti di angoscia, fino all’uscita dallo stadio dell’ambulanza che trasportava il giocatore in ospedale dove poi si sarebbe fortunatamente ripreso dopo le prime cure prestate dallo staff sanitario giallorosso sul terreno di gioco.

Il recupero di quella gara si disputò poi il 23 marzo 2019 ed i giallorossi colsero una delle vittorie più larghe della loro ultracentenaria storia calcistica. Il Lecce allenato da Fabio Liverani rifilò ai malcapitati bianconeri del tecnico Vincenzo Vivarini ben 7 reti a firma di Andrea Tabanelli (2), Jacopo Petriccione, Andrea La Mantia, Marco Mancosu (2) e Filippo Falco su rigore. Quella gara segnò inoltre un altro record: mai il Lecce aveva segnato 5 reti nei primi trenta minuti di gioco e fece poi da viatico per la trionfale promozione finale in massima serie. 

Quella di stasera sarà la 32ª sfida in totale giocate nei campionati di Serie A, B e C, a cui si aggiungono altre due gare giocate in Coppa Italia. Il bilancio complessivo è di 11 vittorie dei giallorossi, 12 pareggi e 8 sconfitte e con 49 gol fatti e 35 subiti.

Per trovare l’ultima affermazione degli ospiti al Via del Mare occorre tornare alla stagione di Serie A 1988/’89 quando il Lecce di Carletto Mazzone fu sconfitto dall’Ascoli di Ilario Castagner. Era il 20 novembre 1988. Ad aprire le marcature fu Bruno Giordano (16′) su punizione, pareggio leccese su rigore di Pedro Pablo Pasculli (49′) e rete del successo marchigiano a firma di Benetti (58′).

Commenti