Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – Eugenio Corini commenta così il pareggio per 2-2 che il suo Lecce ha ottenuto al “Via del Mare” contro il Venezia: “Come detto alla vigilia, il Venezia ha sviluppato bene le proprie caratteristiche. Meglio noi nella ripresa in una gara più in equilibrio nel primo tempo. Dopo l’1-0 eravamo in controllo ma non abbiamo concluso toppe volte in porta e non siamo riusciti ad essere particolarmente efficaci. Loro hanno poi trovato due bei gol con azioni sviluppate sulle fasce. Le due squadre hanno giocato per superarsi a vicenda nei primi 45′. Loro sono stati molto attenti nella fase difensiva, ma nel secondo tempo è stato un dominio territoriale nostro: abbiamo messo tantissimi palloni in area, mentre il Venezia badava a difendersi con tanti uomini. Abbiamo così trovato il pareggio dopo una grandissima azione di Falco. Tuttavia abbiamo concluso meno di quanto abbiamo costruito per la densità in area creata dal Venezia e perché noi non eravamo lucidi nelle giocate. La squadra non è stata brillante come altre volte, ma con un pizzico di fortuna potevamo vincere. La striscia di risultati utili consecutivi è arrivata a 7 pur giocando contro un avversario di rango e che ci ha messo in difficoltà. A me è piaciuto il fatto di essere riusciti a dominare il secondo tempo sotto 2-1 e i dati del possesso e delle palle giocate in area confermano che, come detto, ci è solo mancato un po’ di lucidità. Portiamoci a casa questo pareggio perché simili partite rischi spesso di perderle. Coda e Mancosu sono giocatori molto importanti per noi, di grande disponibilità e sappiamo di poter contare su di loro che per noi sono imprescindibili. Ora proiettiamoci subito al prossimo match casalingo col Frosinone che sarà un altro big-match contro un avversario di grande valore. Però sabato prossimo contiamo di fare quel che non ci è riuscito oggi“.

Commenti