Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – La possibile ripresa degli allenamenti da parte di alcune squadre della Serie A sta creando non poche polemiche in un momento in cui a farla da padrone è la paura di contagio da coronavirus. Da una parte ci sono i presidenti di Lazio (Lotito) e Napoli (De Laurentiis) che vogliono ripartire a breve. Dall’altra c’è invece chi è propenso a seguire la linea dei medici federali per i quali “è doveroso alla luce dell’attuale situazione di emergenza sanitaria raccomandare per le società professionistiche l’interruzione degli allenamenti collettivi, almeno fino al 3 aprile“.

Per Claudio Lotito esisterebbero le condizioni di sicurezza per tornare a scaldare i muscoli, e con lui si allineaa anche Aurelio De Laurentiis. La decisione era quella di darsi appuntamento nei centri sportivi nei prossimi giorni. Per sabato era fissato il ritrovo del Cagliari, per lunedì 23 marzo quello di Lazio, Napoli e Milan.

Se ne parlerà domani nell’assemblea dei club che trasformerà in disposizione ufficiale la linea votata dalla maggioranza. L’ipotesi su cui si lavora è che tutte le rose tornino in campo solo dal 4 aprile, data che permetterebbe alle squadre oggi in isolamento (Sampdoria, Fiorentina, Inter e Juventus) di aggiungersi alle altre. Ad oggi il Lecce ha fatto slittare la ripresa delle sedute di allenamento per il 25 marzo, ma la società salentina è pronta ad allinearsi alle decisioni che saranno adottate domani.

Commenti