Tempo di lettura: 1 minuto

MILANO – Capienza ridotta di circa 2.350 posti a sedere per lo stadio “Meazza di Milano dopo che la Commissione provinciale di vigilanza ha deciso di chiudere alcuni settori dello stadio milanese per tutta la stagione a causa di alcune vibrazioni anomale avvertite ad aprile durante la gara Inter-Atalanta.

Che l’impianto sportivo del capoluogo lombardo non sia propriamente di ultima generazione è noto, tanto che Milan ed Inter, i due club meneghini che lì giocano le proprie partite, hanno espresso chiaramente la volontà di costruire un nuovo stadio che sia moderno e funzionale.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala

Il Comune di Milano, da parte sua, tiene botta e spinge per mantenere in piedi lo storico impianto definito la “Scala del calcio” poiché si tratta di un monumento-simbolo della città e d’Italia. Intanto, le crirticità emerse hanno portato alla chiusura di ben 6 settori di “San Siro” e tutti ricavati nel terzo anello verde ed in quello blu.

Si tratta di una decisione che, come affermano i tecnici comunali, non è dettata da situazioni di pericolo, ma è stata presa a scopo precauzionale, per evitare che si possano creare eventuali reazioni di panico fra il pubblico presente a partite o concerti.

Commenti