Tempo di lettura: 1 minuto

VENEZIA – Nella partita che ha chiuso ufficialmente la tribolata stagione di Serie B 2018/’19, a far festa nella finale di ritorno dei playout è la Salernitana che s’impone 3-4 (1-0 al 90°) ai calci di rigore sul Venezia. Di Bentivoglio e Coppolaro gli errori dal dischetto che condannano i lagunari alla Serie C.

Lo spareggio si è giocato al “Penzo” con fischio d’inizio alle 18:00 in un clima caldo non solo per le polemiche dei giorni scorsi, ma anche per la temperatura estiva che ha stremato le due squadre in campo. Venezia e Salernitana avevano chiuso il campionato con gli stessi punti in classifica, pertanto non valeva la regola dei gol segnati fuori casa. Da qui la necessità della disputa di supplementari e rigori.

Al 94′ l’1-0 per gli arancioneroverdi di mister Serse Cosmi ha portato ai supplementari, dopo il 2-1 del match d’andata giocato mercoledì scorso al’Arechi. Il gol era stato segnato dal difensore Marco Modolo al 41′ con un tiro finito all’incrocio dei pali.

Poco dopo c’era stata l’espulsione del granata Minala che ha lasciato la formazione di Leonardo Menichini in inferiorità numerica per una gomitata ravvisata dal VAR proprio su Modolo. Nonostante l’handicap, i campani hanno stretto i denti e portato il match all’extratime e alla sfida dagli 11 metri che ha sorriso loro.

Le più ghiotte palle-gol sono capitate al 98′ sui piedi di Gianmarco Zigoni che ha scheggiato la traversa su pallonetto da 30 metri con Micai ormai battuto, ed a Lombardi che di testa ha impegnato l’estremo ospite al 112′. La lotteria dei rigori ha poi premiato la Salernitana che ha realizzato tutti i tiri con Casasola, Calaiò, Pocino e Di Tacchio.

Commenti

1 commento

Comments are closed.