Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – Non ci sono dubbi: è il miglior momento di tutta la stagione per il Lecce: i giallorossi hanno battuto l’Ascoli con un punteggio netto  (7-0) e sconfitto tra le mura amiche subito dopo nell’ordine il Pescara (2-0, gol di Falco e La Mantia) ed anche il Cosenza (3-1, Tabanelli e doppietta dello stesso La Mantia). Un crescendo rossiniano che non lascia spazio ad interpretazioni.

Un tris di partite veramente dominate da parte degli uomini del tecnico Fabio Liverani che, grazie agli ultimi risultati positivi, sono riusciti ad agguantare il primo posto in classifica, agganciando in vetta il Brescia a 54 punti. Il Lecce, che resta tra le favorite di Oddschecker per chiudere nelle prime quattro posizioni il campionato di Serie B, dovrà ora affrontare lo scoglio Cremonese. Una trasferta che vedrà Mancosu e compagni sostenuti da circa 3000 tifosi giallorossi che si stanno mobilitando per non far mancare alla propria squadra anche allo stadio “Zini il calore ed il sostegno necessari in questa fase decisiva della stagione.

I precedenti

Falco esulta dopo il gol segnato all’andata

Contro la Cremonese non sarà un match facile per i salentini, anche se all’andata il match era finito in vittora (2-0, Falco 64′ e La Mantia 78′) per gli uomini di Fabio Liverani. Prima di quella partita, bisogna risalire fino alla stagione 2012/’13 per trovare un altro confronto tra le due formazioni. In quell’occasione entrambe le squadre militavano in Serie C. Ancora prima, si torna alla stagione 1998/’99, quando in Serie B il Lecce ebbe la meglio in tutti e due gli incontri con i grigiorossi.

Lo stato di forma

Una fase di gioco di Lecce-Cremonese 2-0

Se il ruolino di marcia del Lecce, a parte la sconfitta subita a Brescia, è stato particolarmente positivo, la Cremonese sta facendo una gran fatica nel girone di ritorno a trovare i punti per scappar via dall’incubo retrocessione. Nonostante l’importante successo nello scorso turno in casa del Livorno (1-3), al momento la squadra di mister Rastelli è confinata a metà classifica, in tredicesima posizione e, per non correre rischio alcuno, c’è da trovare continuità di risultati, visto che la graduatoria è molto corta e sono sufficienti due risultati positivi per cambiare le sorti della stagione. A chi insegue, ovvero Livorno, Crotone, Venezia e anche il Foggia, basterebbe davvero poco per agguantare i lombardi. Un successo nella gara contro la squadra salentina potrebbe proiettare i grigiorossi nella parte centrale e più tranquilla della classifica, riuscendo quantomeno ad affrontare il rush finale della stagione con maggiore serenità.

Il Lecce, dal canto suo, è impegnato in ben altri discorsi: infatti, deve puntare alla promozione diretta, anche se il Brescia sta disputando un gran girone di ritorno e ci sarà da lottare fino alla fine per provare a mettere le mani sul primo posto. Inoltre, non va dimenticato il Palermo, così come Verona e Pescara, sempre molto vicine.

Commenti