Tempo di lettura: 2 minuti

GALLIPOLI – Non occorreva esser golfista per partecipare all’originale Caroli Hotels XGolf Challenge, il torneo di golf in strada giunto alla seconda edizione e che si è svolto nel weekend scorso a Gallipoli. L’evento è stato incentrato su un gioco capace di far vivere con gioia spazi vecchi e nuovi della città, un’occasione di divertimento e coinvolgimento per grandi e piccoli, senza limiti di età, liberi da vincoli e confini.

Prenderne parte significa mettersi alla prova, superare ostacoli e raggiungere obiettivi sfruttando la propria abilità, ma anche vivere a fondo il territorio, scoprirne le meraviglie, esplorando i percorsi più nascosti, come i vicoli e le corti del borgo antico della cosiddetta “Perla dello Jonio“.

Su un percorso di 9 buche, dal Joli Park Hotel, passando per il Bellavista Club Caroli Hotels e le bellezze gallipoline fino a Scafùd Terra, una settantina di partecipanti entusiasti tra soci dell’Acaya Club Golf (che hanno occupato i primi 5 posti della classifica), studenti dell’Istituto Nautico e “improvvisati” golfisti trascinati dalla novità (le Iscrizioni erano gratuite) si è cimentata nell’esperineza ludica.

Ha vinto Luigi Aprile davanti a Federico Bucari, Paolo Emiliani, Alberto Bucari e Gabriele Aprile.

Si gioca con qualsiasi mazza, non esiste un dress code, si utilizzano palline di XGolf (si legge cross golf, ndr) biodegradabili, che danno la stessa sensazione al tatto, un buon feeling sulla testa del ferro nel tiro, ma non fanno male in caso di contatto.

Principali regole dell’XGolf:

  • XGolf è un gioco
  • XGolf si basa sul rispetto: dello spazio nel quale si gioca, delle persone presenti e degli altri giocatori
  • C’è un direttore di gara ma non un arbitro. Ogni giocatore segna il suo proprio punteggio
  • Il primo obiettivo è colpire la palla
  • Lo step successivo è mettere la palla in buca con il minor numero di colpi (6 a disposizione, 7 con penalità)
  • XGolf si gioca esclusivamente con palle ufficiali di cross golf, ma con qualsiasi club.
  • L’uso di un tappetino non è obbligatorio ma fortemente consigliato (provare per capire)
  • La palla può colpire qualsiasi ostacolo (pallina sempre in gioco)
  • I limiti del campo sono la proprietà privata (non entrare a casa della gente per esempio) e gli ostacoli che rendono impossibili il colpo (palla ferma sotto una macchina, dentro una fontana). In quel caso, la palla va rimpiazzata e il giocatore ha un colpo di penalità
  • Si è autorizzati a cercare una palla per 2 minuti trascorsi i quali, se non trovata, è persa
  • Il giocatore ha sempre la possibilità di rimpiazzare la palla a una distanza massima corrispondente alla lunghezza del suo club da dove si era.
Commenti