LECCE (di Pierpaolo Sergio) – La sconfitta di Palermo è stata in qualche modo assorbita pur tra qualche mugugno della piazza e una buona dose di rassegnazione. Ora per il Lecce è tempo di voltare pagina e concentrarsi sul rush finale di una stagione che vede i giallorossi chiamati a confermarsi quali la vera sorpresa del campionato di Serie B.

Il rammarico seguito al KO del “Barbera” per la concomitanza dei risultati delle altre dirette concorrenti nella lotta per la promozione in Serie A non cambia le prospettive della formazione giallorossa che ha un inatteso alleato nel calendario.

Delle 11 giornate che mancano alla fine della regular season, ben 7 saranno giocate da capitan Mancosu e compagni al “Via del Mare“. Un piccolo, grande vantaggio che la banda-Liverani potrà sfruttare per recuperare il terreno perso nelle ultime settimane, dopo le sconfitte con Cittadella e Palermo. Il Lecce giocherà davanti al pubblico amico gli scontri diretti con Pescara e Brescia, oltre alle sfide contro Foggia, Cosenza, Ascoli, Carpi e Spezia.

Le possibilità di centrare il salto diretto in massima serie ci sono ancora tutte. Nonostante le situazioni avverse che la squadra salentina sta registrando da un po’, il sogno di centrare l’obiettivo (inimmaginabile ad inizio di stagione) è ancora lì a portata di mano.

Le note liete sono rappresentate dagli ormai prossimi rientri di Petriccione, Bovo, Palombi e, soprattutto, di Manuel Scavone che, al netto di imponderabili difficoltà, riconsegneranno a mister Fabio Liverani una rosa più ampia e competitiva, che possa affrontare la fase calda del campionato con rinnovata energia e necessaria lucidità e attenzione.

Ovvio che le “alchimie tattiche” che il tecnico sta sperimentando necessitino di rapida soluzione. Bisogna capire su chi puntare e come schierare la migliore formazione possibile. Ritrovando la propria identità e recuperando tutti gli elementi, ci si potrà concentrare sul fattore-campo da sfruttare per tentare di centrare al primo colpo un risultato clamoroso che la società immaginava di raggiungere, secondo la propria programmazione, in un paio d’anni.

Commenti
Articolo precedenteTutto pronto per il 52° Rally del Salento
Articolo successivoConfermato il grande successo per il Business Tourism Management
Dal 1995 nelle redazioni televisive (Tele C 10, TV10, TopVideo, Canale 8, VideoSalento, TeleSalento e L'A TV) con conduzione di trasmissioni sportive, culturali, di telegiornali (Studio10News, 10News, Tg8, VS Notizie) e trasmissioni sportive (Fuoricampo, Bomber, Replay, Leccezionale TV), politiche (elezioni e referendum), sociali (Telethon ’97); programmi d'approfondimento e commenti d’eventi sportivi. Nella carta stampata: Il Corriere del Mezzogiorno, LecceSera, Il Paese Nuovo, Espresso Sud, Città Magazine, Fuorigioco, L'Ora del Salento, Il GialloRosso. Dal 1999 al 2001 redattore di leccesette.it Nel biennio 2002-2003 redattore de legiraffe.it Dal 2006 al 2009 direttore responsabile de “Il Picchio Magazine” Dal 2006 direttore responsabile del periodico sportivo “Il GialloRosso” edito dal Lecce Club Centro di Coordinamento; Dal 2006 al 2010 corrispondente dal “Via del Mare” di Lecce per Italia 7 Gold per “Diretta Stadio - Ed è subito goal!” Dal 2012 opinionista de “Palla prigioniera” su corrieresalentino.it e dal 2016 de "Cuore Giallorosso 1908" su salentotelevision.it Dal 2012 addetto stampa delle associazioni “Noi Lecce” e "Passione Lecce" Dal 2013 direttore responsabile de leccezionale.it e conduttore di "Leccezionale TV"