Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Se per il Lecce ed i suoi tifosi la clamorosa “remuntada” di ieri è stata un’esplosione di gioia, non allo stesso modo è stata ovviamente accolta in casa del Livorno, che torna sull’esito del match tirando in ballo l’arbitraggio di Luca Massimi quale concausa della sconfitta.

Sul sito web ufficiale del club amaranto, nel commentare il risultato finale, si attacca apertamente il direttore di gara di Termoli con queste parole al vetriolo: “Il Livorno esce ingiustamente sconfitto dal “Via del Mare” di Lecce. Alcune disattenzioni e delle scelte arbitrali molto discutibili permettono una clamorosa rimonta salentina da 0-2 a 3-2. I ragazzi di Breda hanno giocato un buon calcio e, specialmente nel primo tempo, hanno creato tanto tenendo sempre la gara in pugno. La prima frazione di gara si conclude sul 2-0 per i bianco-amaranto (il Livorno era in seconda maglia). La ripresa però nasce subito male: Mazzoni resta in panchina per infortunio ed il primo cambio è obbligato. Dopo quindici minuti Lamantia accorcia di testa, poi arrivano l’espulsione di Fazzi ed il mancato doppio giallo per Arrigoni del Lecce che già ammonito, tiene per la maglia Diamanti. Proprio Arrigoni farà 2-2 con un tiro dal limite. Nel recupero Lamantia in mischia segna il 3-2 e poi viene anche espulso Diamanti per un fallo insistente. Domenica sera al “Picchi” arriva il Venezia“.

Commenti