Tempo di lettura: 1 minuto
Fabio Lucioni

SALERNO – È un Fabio Lucioni soddisfatto e realista quello che al termine della partita commenta il successo del Lecce sul campo della Salernitana: “Abbiamo fatto una grande gara, soprattutto nel primo tempo, e conquistato una grande vittoria. Poi, nella ripresa, abbiamo fatto girare un po’ meno bene la palla. Liverani un martello pneumatico? Sì, ma lui è così tutta la settimana ed è normale che quando si vuole fare qualcosa di veramente importante. Noi cerchiamo di rispondere sul campo, quindi ben venga”.

Il difensore giallorosso fa poi un parallelo con quanto realizzato a Benevento: “Qualche anno fa abbiamo fatto qualcosa di straordinario con un’altra maglia. Ora cerco di dare il mio contributo anche a Lecce e speriamo finisca altrettanto bene“.

Sul tipo di gara giocata all’Arechi, ecco il pensiero di Lucioni: “Abbiamo giocato un ottimo primo tempo quando avevamo la gestione totale della partita, eccezion fatta per un contropiede di Jallow. A livello di situzioni siamo stati quasi perfetti“.

L’euforia della piazza è tangibile, come dimostrato dai tifosi presenti allo stadio: “Ieri alla rifinitura sono venute circa 300 persone che non potevano essere presenti oggi a sostenerci e ci hanno fatto sentire il loro calore. Sanno che non è facile e ci stanno vicini“.

Non poteva mancare un passaggio sul mancato passaggio al Sassuolo: “Ringrazio mister De Zerbi per la chiamata, ma quella in cui mi trovo è una società ambiziosa che ha dato un segnale forte rinunciando a cifre importanti per trattenermi. Ho sposato il progetto del Lecce a luglio e cerco di dare il mio contributo per andare a riprenderci quella Serie A solo sfiorata”.

Commenti