Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE (di Pierpaolo Sergio) – Le pagelle di Lecce-Benevento, big match della 20^ giornata di Serie B, vedono sul podio Mancosu, Lucioni e Falco che giocano una bella partita. Buono l’esordio di Tachtsidis. In ombra Petriccione e Calderoni.

VIGORITO: In chiusura di primo tempo compie un intervento importante su Coda che lo insidia dal limite con un tiro a giro che devia in corner. Per il resto, nulla da segnalare. Incolpevole sul pari di Coda. VOTO: 6,5

FIAMOZZI: Ripete in avvio la buona prova dell’andata presentandosi spesso e volentieri al cross dal fondo. Concede però qualcosa in copertura, ma tiene sotto pressione la retroguardia campana. VOTO: 6

LUCIONI: Tutti gli occhi erano oggi puntati su di lui dopo le vicende di mercato che lo hanno visto protagonista e perché grande ex dell’incontro. Gioca una signora partita da vero leader. Sull’unica mezza indecisxione arriva il pareggio degli Streegoni VOTO: 6,5

BOVO: Stavolta tocca a lui far coppia con Lucioni in difesa ma mostra un po’ di ruggine in marcatura. Prova allora a farsi preferire come registra arretrato, ma oggi era proprio una giornata un po’ grigia. VOTO: 5,5

CALDERONI: Tantissima corsa ma spesso con scarso costrutto nella prima, così come nella seconda frazione di gioco. Troppi i traversoni sbagliati che fanno sfumare ottime occasioni in attacco. VOTO: 5,5

SCAVONE: Nel primo tempo ha sulla testa una ghiotta palla per portare in vantaggio il Lecce ma Montipò lo mura a fil di palo. Buoni gli inserimenti che prova partendo dalla mediana e che mettono in imbarazzo gli avversari. Lotta come un leone a centrocampo e vince molti corpo a corpo. VOTO: 6,5

PETRICCIONE: La convivenza con Tachtsidis è possibile. Agisce da mezzala per permettere al compagno di giostrare da play anche se non brilla come in altre occasioni. VOTO: 6

TACHTSIDIS: Esordio alla prima occasione per l’ex Nottingham Forest che torna a calcare il terreno di uno stadio dopo sei mesi. L’altezza di cui dispone lo fa giganteggiare nei duelli aerei, così come l’esperienza lo soccorre in alcuni frangenti. Buona la prima, Panos. VOTO: 6,5 → (dal 71′) HAYE: Un quarto d’ora per lui contraddistinto da alcune buone giocate. S.V.

MANCOSU: Grinta e gran movimento come nei giorni miglioiri. La velocità con cui i padroni di casa fanno girare la palla nel primo tempo è spesso innescata da lui che si porta pure alla conclusione ma dapprima senza la necessaria buona sorte. Nella ripresa però sblocca la contesa con una rete che festeggia come fosse stata segnata in una finale. VOTO: 7,5 → (dal 90′) PETTINARI: S.V.

FALCO: Numeri d’alta scuola costringono gli avversari al fallo sistematico si di lui. A volte tiene un po’ troppo la sfera tra i piedi ma vederlo all’opera è sempre un piacere. Suo l’assiste per Mancosu in occasione del gol. Da urlo una girata al volo dal limite che dà l’illusione della rete. VOTO: 6,5

LA MANTIA: In apertura di match ha la chance per segnare ma la conclusione su assist di Fiamozzi è parata da Montipò. Lotta su ogni pallone ma non ha l’istinto felino delle migliori giornate e fallisce due buone opportunità, prima di uscire stremato. VOTO: 5,5 → (dall’83’) PALOMBI: S.V.

All. LIVERANI: Gara che, per sua stessa ammissione, nascondeva parecchie insidie. Il Lecce si ripresenta al campionato però col piglio giusto e gioca una gran partita al cospetto di un Benevento coriaceo e compatto. In pieno recupero l’arbitro Serra lo espelle per proteste e potrebbe ora saltare per squalifica la prossima sfida di Salerno. VOTO: 6,5

Commenti