Tempo di lettura: 2 minuti

PERUGIA – Da domenica scorsa è diventata ufficialmente una sfida play-off. Lecce e Perugia abitano ormai i quartieri altissimi della Serie B, e se del sorprendente girone d’andata della squadra di Liverani si è detto molto, la risalita della squadra di Nesta si è compiuta a fari spenti.

Domenica sera, il 2-1 al Pescara ha consegnato l’ottavo posto al Perugia, che a 20 punti dista soltanto 5 lunghezze dal Lecce secondo a 25. In più, le 14 partite giocate dai giallorossi, che devono ancora riposare, contro le 13 dal Grifo, evidenziano ancor di più le flebili gerarchie del vertice.

Lecce-Perugia sarà un match tra due squadre in salute. Quattro vittorie nelle ultime cinque gare (passo falso due giornate fa a Benevento) denotano il momento positivo degli avversari che Liverani e i suoi fronteggeranno domani.

Alessandro Nesta

A secco da tempo immemore– Lecce-Perugia rappresenta anche tantissimi incroci e ricordi. Gli allenatori Nesta e Liverani sono stati compagni con la Lazio, lo stesso Liverani deve la sua esplosione calcistica al Perugia, che lo portò sulla ribalta della Serie A dalla Viterbese. Ma c’è molto di più. Il Lecce non batte gli umbri da 70 anni: correva la stagione 1947/’48 quando il Grifo rimaneva per l’ultima volta a secco nel Salento: 4-0 deciso dalla doppietta di Silvestri e dalle reti di De Santis e Battistelli.

Difesa in emergenza – Il presente, oltre che una partita che si preannuncia piena di spunti, parla di nuove scelte. Nesta non potrà contare su Cremonesi (30 anni), perno della retroguardia non partito per il Salento. Il reparto diretto dal portiere Gabriel (quest’anno preferito a Leali) conterà probabilmente sui terzini Ngawa (in ballottaggio con Mazzocchi) e Falasco che rientrerà dalla squalifica; al centro coppia GyomberEl Yamiq.

A centrocampo Valerio Verre (capocannoniere di squadra con 5 reti insieme alla punta Luca Vido) avrà le chiavi in mano. Ai suoi fianchi, oltre a Dragomir, si potrebbe vedere uno tra Moscati (già in gol contro il Lecce quattro anni fa) e Bianco. In seconda battuta la conferma di Bordin, impiegato col Pescara.

Andrea Bianchimano

Tante scelte in attacco – Nesta e il suo 4-3-1-2 hanno a disposizione numerose soluzioni davanti. Il 19enne Kingsley sulla trequarti supporterà due tra Vido (21), Melchiorri (31) e Mustacchio (29). Attenzione: la scuderia perugina conta anche sul nordcoreano Han (20) e su Bianchimano (21). Quest’ultimo può vantare una doppietta messa a segno a Lecce con la maglia della Reggina (3-2 il 19 novembre 2017).

Commenti