Tempo di lettura: 4 minuti

LECCE – Continua la marcia vincente del Lecce di Fabio Liverani. I giallorossi superano per 3-1 il Catanzaro con l’ennesima partita dalle due facce. A un primo tempo difficile, aperto sì dalla marcatura di Saraniti, al gol nel debutto, si è aggiunto il vigore del Catanzaro che dapprima ha raggiunto il pari con Letizia e poi ha creato numerosi grattacapi con Spighi. Nel secondo tempo il rendimento degli ospiti è andato in calo e l’autorete di Di Nunzio ha impresso la svolta decisiva alla contesa, chiusa poi dal tris di Mancosu.

1’ Ancora formazione inaspettata per il Lecce. Liverani schiera i due colpi di mercato dell’ultim’ora già dal primo minuto. Tabanelli si posiziona sulla trequarti a supporto del duo offensivo formato da Saraniti e da Dubickas. Con Caturano out, vanno in panchina Torromino e Di Piazza. Il Catanzaro si schiera con il 3-4-1-2; sarà nevralgico il lavoro degli esterni di centrocampo Zanini e Sepe.

5’ Tabanelli addomestica un pallone in area, apre per l’inserimento di Dubickas, che scarica al centro per Saraniti, anticipato all’ultimo dalla deviazione provvidenziale di Sabato.

11’ GOL LECCE. Debutto da sogno per Andrea Saraniti. Lepore alimenta sulla destra e mette al centro un cross invitante per Saraniti, perentorio nello sfuggire alla marcatura della difesa prima dell’avvitamento decisivo di testa, messo lì dove Nordi non può far niente.

16’ Calcio di punizione di Letizia, scaturito da un fallo tattico di Cosenza sull’ex attaccante del Matera. Parte lo stesso Letizia, traiettoria fuori di un soffio.

26’ GOL CATANZARO. Lecce distratto su una rimessa laterale e arriva la punizione. Triangolo tra Spighi e Letizia che porta al tiro quest’ultimo, preciso nel diagonale sul secondo palo. Perucchini sfiora con il guanto ma non può sventare.

29’ Imbucata centrale per Spighi, che s’incunea tra Marino e Cosenza e prova ancora il diagonale vincente, fuori di pochissimo.

30’ Lancio lungo per la corsa di Dubickas, che guadagna l’area e conclude di sinistro verso la porta di Nordi nonostante il pressing di De Giorgi, il risultato è un tiro fiacco che non crea problemi al portiere.

37’ Infantino raccoglie una respinta corta di Marino e tira a giro sul secondo palo, Perucchini segue la traiettoria e blocca in tuffo.

44’ Traversone di Lepore al centro per Mancosu, che tenta una strana girata volante, Nordi segue con lo sguardo la traiettoria terminare a lato.

Secondo tempo

1’ Liverani comincia la ripresa con Tsonev al posto di Tabanelli.

9’ Momento fiammante della partita. Da un cross debole nasce la “paperissima” di Di Nunzio e Sabato che mancano entrambi l’intervento per spazzare il pallone, che arriva a Saraniti, tiro murato che avvia la perentoria ripartenza del Catanzaro condotta da Spighi, ma chiusa imperiosamente da Cosenza.

10’ GOL LECCE. L’azione si ribalta ancora una volta: è il Lecce che si distende per vie centrali, palla in movimento veloce di Tsonev per Saraniti sul centrodestra del campo, cross all’indirizzo di Dubickas appostato al centro-area, ma c’è l’anticipo sfortunato di Sabato che calcia addosso a Di Nunzio e insacca nella propria porta per il nuovo vantaggio dei padroni di casa.

12′ Doppio cambio per il Lecce: escono Dubickas e Di Matteo per far posto a Di Piazza e Legittimo.

25’ GOL LECCE. Tsonev porta palla sulla destra, salta un avversario e mette al centro al limite dell’area sull’accorrente Mancosu che colpisce con il destro e innesca una traiettoria lenta, ma velenosa e imprendibile per Nordi. Sfera sul palo e in fondo alla rete.

29’ Applausi scroscianti del “Via del Mare” per Andrea Saraniti, uscito dal terreno di gioco per lasciar posto a Riccardi.

47′ Sterile forcing finale del Catanzaro chiuso da un tiro velleitario di Maita.

Il tabellino: Lecce-Catanzaro 3-1

Lecce (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino, Di Matteo (12’st Legittimo); Armellino, Arrigoni, Mancosu (37’st Torromino); Tabanelli (1’st Tsonev); Saraniti (29’st Riccardi), Dubickas (12’st Di Piazza). A disposizione: Chironi, Vicino, Valeri, Megelaitis, Ciancio, Gambardella, Persano. Allenatore: Fabio Liverani

Catanzaro (3-4-1-2): Nordi; De Giorgi (33’st Falcone), Sabato, Di Nunzio; Zanini (24’st Gambaretti), Onescu, Maita, Sepe (16’st Nicoletti); Spighi (24’st Cunzi); Infantino (33’st Corado), Letizia. A disposizione: Marcantognini, Cason, Van Ransbeeck, Riggio, Badije, Furina, Valotti. Allenatore: Davide Dionigi

Marcatori: 11’pt Saraniti (L), 26’pt Letizia (C), 10’st aut. Di Nunzio (C ), 25’st Mancosu (L)

Ammoniti: 15’pt Cosenza (L), 43’pt Onescu (C), 23’st Sabato (C), 41’st Armellino (L)

Note: Pomeriggio mite e soleggiato, temperatura 12°C, terreno di gioco in ottime condizioni. Spettatori: 9.274 (6.942 abbonati, 2.332 spettatori paganti), incasso totale 60.634,67 euro (31.189,67 quota abbonati, 29.445,00 incasso paganti). Recuperi: 0’pt, 4’st.

Statistiche: tiri in porta: 4-3; cross: 12-14; tiri fuori/respinti: 3-5; palle in area: 21-22; corner: 2-3; off-side: 1-1; falli subiti: 10-9.
Commenti