Tempo di lettura: 2 minuti

esultanza-ciccio-cosenza-lecce-monopoli-2-0LECCE – Altra partita da incorniciare per il difensore Ciccio Cosenza, che ha segnato di testa su corner il primo gol del Lecce nella vittoria per 2-0 sul Monopoli. Il gladiatorio numero 5 giallorosso è diventato uno dei beniamini del pubblico leccese che, dopo la rete realizzata a metà del primo tempo, ha urlato il suo nome per celebrare l’impresa di chi i gol tenta di non farli segnare agli avversari. Queste le parole in sala stampa: “Il goal per un difensore è importante, ma sono contento perché abbiamo dato solidità alla difesa in una partita non semplice. Se giocheremo sempre con tanto spirito di sacrificio le cose andranno bene. Il rigore che reclamano per un mio presunto fallo su Donnarumma? Eravamo entrambi a gamba alta, ma non l’ho ancora rivisto e non posso valutare perché era un’azione veloce. A sensazione dico che ho toccato prima il pallone. Piuttosto, non prendere goal da solidità e trasmette sicurezza. Io mi arrabbio come un matto se prendo reti al passivo. Preferisco vincere 1-0 e non 2-1 oppure 3-2. Sono molto pigniolo ed i miei compagni di reparto lo sanno bene. Abbiamo scappato bene ma è merito anche degli attaccanti se la rete resta inviolata. Noi siamo una squadra offensiva ed è chiaro che se un terzino come Lepore fa 10 o 15 cross a partita lascia qualcosa scoperto dietro, ma siamo stati bravi a non ripetere gli errori commessi a Pagani. Essere campioni d’inverno fa solo alzare l’asticella agli avversari. Per il resto il campionato è troppo lungo per fare previsioni. La fame, ‘cazzimma‘ e la rabbia sono alla base di questo gruppo, non sono in discussione i valori della squadra, ma non dobbiamo dar nulla per scontato. Se riusciremo a migliorare sotto questo aspetto sarà dura per tutti. Non dobbiamo essere belli, dobbiamo essere efficaci. Il mio contratto? Sono sincero: l’accordo lo abbiamo siglato già diversi mesi fa; è stato reso noto nei giorni scorsi solo per questioni di tempistica. Non prevede clausole per i goal segnati perché quando l’ho messa non ho mai segnato… Dedico il mio goal a tutti: alla mia famiglia, ai tifosi, alla società che crede in me e soprattutto a questo gruppo; giocare a Lecce non è facile perché la pressione è da Serie A e non tutti reggono certe pressioni”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.