Tempo di lettura: 4 minuti

mauro-meluso-rideLECCE – Si avvicinano la fine del girone d’andata e la pausa invernale che il campionato di Serie C osserverà fino al 21 gennaio 2018. Nel mezzo ci sarà la finestra del cosidetto mercato di riparazione che vedrà le squadre tentare di puntellare o migliorare le rispettive rose. Di questi argomenti e dei recenti rinnovi di contratto con sei calciatori giallorossi ha parlato oggi pomeriggio il Direttore Sportivo del Lecce, Mauro Meluso. In primo luogo, il dirigente del club salentino ha espresso soddisfazione per quanto la squadra di Liverani ha saputo fare finora, senza nascondere alcune sbavature che hanno impedito alla compagine giallorossa di avere un distacco ancor maggiore in classifica sulle inseguitrici.

Sul prolungamento degli accordi con Arrigoni, Cosenza, Ciancio, Lepore, Pacilli e Torromino il diesse ha chiarito: “Non si tratta di aver blindato nessuno, perché parliamo di giocatori non più giovanissimi. I rinnovi dei loro contratti sono il frutto del lavoro svolto in questi mesi e sono un segnale di continuità e fiducia per ragazzi che se lo sono meritato”.

radoslav-tsonevAL LAVORO SU TSONEV- Vi posso anticipare che ci stiamo muovendo per incontrare il procuratore ed allungare anche il contratto con Radoslav Tsonev, in scadenza nel 2019 con rinnocvo automatico al 2020, ma lì si cercherà di fare un discorso differente di più anni, visto che si tratta di un classe ’95. Stesso discorso sarebbe fatto in caso di riscatto per Riccardi”.

sticchi-damiani-e-meluso-in-panchinaIL CALCIOMERCATO ALLE PORTE-Per gennaio abbiamo le idee già abbastanza chiare. Non ci saranno stravolgimenti. Ci siamo confrontati con la proprietà, soprattutto col presidente Sticchi, che ha garantito copertura finanziaria per eventuali movimenti. Se ci sarà la possibilità di migliorarci non ci tireremo indietro, anche se è difficile perché l’attuale è un gruppo che sta facendo davvero bene. L’allenatore non ha chiesto ancora nulla in particolare. Sembrerà strano ma siamo in una sintonia pazzesca. Ripropongo una frase che ho sentito ieri e che mi ha colpito molto: non mi interessa il bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno, ma mi interessa la bottiglia intera… L’obiettivo è quello che ci siamo prefissi e da raggiungere a maggio e profonderemo tutte le nostre energie. Il resto è aria fritta”.

SOCIETÀ CON LE ANTENNE DRITTE-Proprio perché intendiamo arrivare bene alla fine del torneo ribadisco che qui siamo puliti, ma non fessi. Il calcio ha spesso regalato sorprese sgradite e se dovessero registrarsi altri eventuali casi di combine e situazioni poco chiare sapremo come muoverci per tutelarci, anche perché abbiamo un presidente che ne capisce. Non mi riferisco a nulla in particolare; se avessi delle prove certe le avrei già denunciate nelle sedi competenti e non alla stampa. Staremo all’erta anche grazie a mezzi che ci permettono di monitare tutto da vicino”.

paganese-lecce-1-1-startIL BILANCIO DELLA SQUADRA- “Le ultime partite è vero che non sono state brillantissime, ma abbiamo mantenuto un profilo sempre improntato all’essere costruttivi e mantenere un rendimento costante. Nella maggior parte delle situazioni tutti hanno dato il massimo. L’unica cosa che non mi è piaciuta e che non sopporto per mia natura, ma è ormai già acqua passata, è l’aver visto una certa approssimazione nei primi venti minuti di Pagani. In altre gare siamo stati invece bravi a ribaltare un inizio di gara negativo, come con la Reggina, vincendo in rimonta e mostrando di avere carattere”.

SI NAVIGA SOTTOTRACCIA- Aspettiamo le prossime tre partite e poi penseremo concretamente al mercato. Vediamo cosa succede, ma non si andrà di certo ad indebolire un gruppo che si sta disimpegnando più che bene. Parlare di intervenire in difesa, piuttosto che in un altro reparto, significa avere la volontà di intervenire ma non per qualche errore individuale, bensì per rinforzare la rosa. Il trequartista? Abbiamo diverse soluzioni in casa. Tuttavia ci avevamo pensato pure con Rizzo come alternativa al 4-3-3. Personalmente sono soddisfattissimo di quanto fatto finora anche se, come ho detto prima, ciò che ci interessa è arrivare bene a maggio“.

pietro lo monaco - cataniaLO MONACO E LE POLEMICHE-Si sta rompendo gli attributi per gli arbitri? È una strategia che non condivido, oltre che un segnale di debolezza. Non è uno stile che ci appartiene. Domenica scorsa a noi è stato annullato un gol regolarissimo dall’ottimo arbitro Volpi su schema ben preparato e senza alcuna irregolarità, ma non ci siamo certo lamentati. Ognuno ha il suo stile…

TESTA AL CAMPIONATO- “Domenica contro il Monopoli disputeremo l’ultima gara del girone d’andata: per noi sarà come una finale di Champions League”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.