Tempo di lettura: 1 minuto

taglio-ulivi-tapMELENDUGNO – Altra giornata di tensione e protesta nei terreni in contrada Fanfula, alle spalle del cimitero di Melendugno, dove diversi operai della ditta appaltatrice di TAP hanno effettuato una potatura preventiva degli ulivi presenti in alcuni campi agricoli espropriati, che sarebbe preparatoria per il successivo espianto, che potrebbe avvenire a novembre. A presidiare i lavori c’era un massiccio dispiegamento di forze dell’ordine che hanno monitorato quanto accadeva nei dintorni, dopo che il Movimento No Tap aveva chiamato a raccolta tutti gli attivisti ed i cittadini per protestare contro quella che è stata definita una pratica illegale.

ulivi-potati-con-olive-tapA rinfocolare la protesta c’è il fatto che vede esser stati potati gli ulivi ancora carichi di frutti non raccolti, nonostante sia proprio questo il periodo della raccolta delle olive. I rami tagliati sono carichi di frutto, ma questo non è bastato a fermare le motoseghe.

Inoltre, pare che ad alcuni contadini proprietari dei terreni non interessati dal passaggio del gasdotto sia stato impedito l’accesso alle proprie terre, utilizzate dalle forze dell’ordine per parcheggiare i mezzi, tanto che sarebbero ora intenzionati a sporgere denuncia. Alcuni attivisti sono infine saliti sugli alberi per ostacolare le operazioni.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.