Tempo di lettura: 3 minuti
adamuccio-tridici-premiazione-8-rally-5-comuni-calsolaro-web
foto freepress di Andrea Calsolaro

TRICASE – È stata la violenta pioggia che si è abbattuta nella zona del Basso Salento mentre si concludeva la Prova Speciale 6 “Tiggiano”, a decretare lo stop dell’8° Rally dei 5 Comuni, gara a validità nazionale ed ultima prova del Campionato Regionale ACI Sport 2017 di Puglia, Molise, Basilicata e Abruzzo. Impossibile proseguire la competizione “per impraticabilità del percorso da parte dei mezzi di soccorso e delle vetture” – ha dichiarato il direttore di gara, Mauro Zambelli di Bologna.

Con l’en-plein di vittorie dopo sei prove speciali sulle 9 previste, avendo sempre lasciato largo margine agli inseguitori, l’equipaggio di Ruffano, composto da Mauro Adamuccio e Salvatore Tridici, a bordo di una Peugeot 207 S2000 della scuderia Salento Motor Sport, ha tenuto stretto in mano lo scettro di Tricase conquistato lo scorso anno, chiudendo con il tempo di 31’26’’. Ed una vera incoronazione è sembrata la cerimonia di premiazione che, in via eccezionale – considerate le pessime condizioni meteo che hanno reso inagibile anche piazza dei Cappuccini – si è tenuta nella sala del Trono di Palazzo Gallone. Il pilota salentino, come del resto avrebbe fatto chiunque avesse vinto per unanime volontà dei concorrenti, ha dedicato la vittoria alla giovane Noemi Durini. Gli equipaggi hanno infatti corso con un adesivo applicato sul lunotto delle vetture riportante un pensiero rivolto alla sfortunata vittima di Specchia. I genitori di Noemi hanno voluto ringraziare i concorrenti per il gesto.

adamuccio-tridici-vincitori-8-rally-5-comuni-17-calsolaro-web
foto freepress di Andrea Calsolaro

La lotta all’interno dello schieramento alle spalle dei battistrada si è decisa nel corso della PS 5 “Specchia” e tutti i contendenti hanno dovuto affrontare dei problemi: il ruffanese Gabriele Passaseo, fino a quel momento secondo nella generale parziale, al 3° km ha forato lo pneumatico anteriore destro; il barese Franco Laganà è andato dritto con la sua Ford Fiesta R/R5; lungo è finito anche il leccese Fabrizio Mascia, su Ford Fiesta R/R5. Albino Pepe, di Salve, è riuscito a totalizzare il terzo tempo nonostante alcune noie elettroniche della sua Mitsubishi Lancer Evo IX. Ad uscire nel migliore dei modi dalla bagarre è stato Laganà che, in coppia con il leccese Salvatore Invidia per la scuderia New Jolly Motors, e con un gap di 1’25’’, ha strappato il secondo gradino del podio ai ruffanesi della Salento Motori Passaseo-Fiorito, su Skoda Fabia R/R5, terzi assoluti con un ritardo di 5 secondi, ed al duo leccese Mascia-Caroli, anch’essi su Ford Fiesta R/R5 (gap +1’40’’). Più distaccati, Albino Pepe e Pierpaolo Panico sono giunti quarti, su Mitsubishi Lancer Evo IX N4 (+2’29’’), davanti a Mauro Santantonio e Marco Scorrano, su Peugeot 208 T16 R/R5 (2’43.5).

rally-dei-5-comuni-ldangeloClassifica assoluta: 1. ADAMUCCIO-TRIDICI (PEUGEOT 207) in 31’26.1; 2. LAGANA’-INVIDIA (FORD FIESTA) a 1’25.1; 3. PASSASEO-FIORITO (SKODA FABIA) a 1’30.1; 4. MASCIA-CAROLI (FORD FIESTA) a 1’40.4; 5. PEPE-PANICO (MITSUBISHI LANCER EVO IX) a 2’29.1; 6. SANTANTONIO-SCORRANO (PEUGEOT 208 T16) a 2’43.5; 7. SERAFINI-FERILLI (RENAULT CLIO RS LIGHT) a 3’49.5; 8. LUCREZIO-MASTROGIOVANNI (RENAULT CLIO RS LIGHT) a 4’06.8; 9. MELCARNE-DE ROSA (PEUGEOT 106 MAXI) a 4’10.5; 10. PRIMOCERI-CIULLO (RENAULT CLIO WILLIAMS) a 5’01.0; 11. ZOMPÌ-ROSATO (RENAULT CLIO) a 5’08.4; 12. PISACANE-LIGUORI (PEUGEOT 206 RC) a 5’14.1; 13. BRANCA-LEGITTIMO (PEUGEOT 106) a 7’17.2; 14. RUSSO-SORRONE (CITROEN C2) a 9’06.9; 15. FILONI-INDINO (PEUGEOT 106 RALLY) a 9’12.1; 16. VITALI-DE MAGGI (OPEL ASTRA GSI) a 9’59.5; 17. SARCINELLA-COLETTA (PEUGEOT 106 RALLY) a 12’06.2; 18. MONACO-MONACO (RENAULT CLIO RS LIGHT) a 12’37.5; 19. RUGGIO-RIEZZO (FIAT SEICENTO) a 18’20.2; 20. MANCO-STEFANELLI (CITROEN SAXO’) a 18’37.2; 21. FALCONE-TRIDICI (CITROEN SAXO’) a 19’34.9

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.