Tempo di lettura: 1 minuto

logo-vibonese-pngLECCE – È davvero un’estate da pazzi quella che si sta vivendo in Serie C. La Corte di Appello Federale ha infatti accolto il ricorso presentato dalla Vibonese nei riguardi del Messina ed ha disposto il posizionamento dei siciliani all’ultimo posto della classifica della scorsa stagione, “salvando” così i calabresi e riammettendoli in Serie C. Ecco il testo integrale della delibera emanata oggi a Roma: “RICORSO DELLA SOCIETÀ U.S. VIBONESE CALCIO S.R.L AVVERSO LA DECLARATORIA DI INAMMISSIBILITÀ DEL RICORSO PROPOSTO EX ARTT. 30 E 32 C.G.S. CONI, NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ ACR MESSINA (Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare – Com. Uff. n. 7 del 28.7.2017) La C.F.A., in accoglimento del ricorso come sopra proposto dalla società Vibonese Calcio S.r.l. di Vibo Valentia (VV), dispone il posizionamento della società A.C.R. Messina all’ultimo posto in classifica del Campionato di Lega Pro, Girone C, nella Stagione Sportiva 2016/2017. Dispone restituirsi la tassa reclamo“.

Tribunale nazionale federale figcSolo un mese fa il Tribunale Federale Nazionale – Sezione disciplinare della FIGC – aveva giudicato inammissibile il ricorso presentato dalla Vibonese nei confronti del Messina, con cui chiedeva “di disporre l’integrazione dell’organico mediante reintegra della Società stessa, con assegnazione di nuovo termine per adempiere agli incombenti richiesto per l’iscrizione al campionato di Lega Pro 2017/2018, previa declaratoria di esclusione del Club ACR Messina dal Campionato di Lega Pro 2016/2017”.

Stando così le cose, la Vibonese dovrebbe essere riammessa nel Girone C, che dovrebbe forzatamente diventerare a 20 squadre, mentre il Messina era già stato escluso nelle scorse settimane. La società rossoblù ha pubblicato sulla propria pagina facebook l’ordinanza ed un filmato della squadra che festeggia all’apprendimento della notizia:


Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.