Tempo di lettura: 2 minuti

guide-turistiche-pugliaLECCE – Anche nell’estate 2017, la Puglia, il Salento e la città di Lecce si confermano tra le mete turistiche più ambite in assoluto da italiani e stranieri. È quanto si evince da un’indagine condotta tra i numerosi vacanzieri che sono giunti nel tacco d’Italia per trascorrere le proprie ferie. Lungo le vie del turismo del capoluogo salentino, abbiamo rivolto qualche domanda a chi, gustando un rustico o un gelato artigianale, passeggiava tra le vie della città barocca.

Provengono da tutta l’Europa, in particolare da Francia, Inghilterra, Germania, Bulgaria, ma anche dall’Italia stessa; sono gruppi più o meno numerosi di visitatori che hanno deciso di trascorrere parte delle loro vacanze estive non solo a Lecce, ma anche nel resto della Puglia scegliendo le mete più gettonate quali Otranto, le Grotte di Castellana, Ostuni, Alberobello e Polignano a Mare. Curioso il particolare che in media vede appena 2 turisti su 10 essere accompagnati da una guida autorizzata.

studio-polisturismo-guideLa maggior parte degli intervistati si è detta colpita dalla raffinatezza dei luoghi; quasi sempre hanno lo sguardo rivolto verso l’alto perché seguono il consiglio di ammirare col naso all’insù le bellezze storiche ed architettoniche della città barocca. Inoltre, 9 su 10 consiglierebbero ad altri amici e parenti di visitare la Puglia che, per la maggior parte di essi, è stata una vera e propria scoperta. In particolare, un gruppo di turisti torinesi, sebbene delusi per la scarsa cura prestata a quanto di storico è presente in città, si è stupito dell’ordine quasi geometrico dato al lavoro dei campi agricoli.

Il tempo di permanenza medio varia tra un giorno ed un’intera settimana. Invece, per quanto riguarda le specialità tipiche della gastronomia locale, il pesce fresco ha ottenuto le preferenze generali.

Molti visitatori, spesso ospiti presso parenti o alloggiati in hotel, resort e B&b, infine, soggiorna in località limitrofe come Porto Cesareo o, nonostante il clamore della questione Tap, Melendugno e le sue marine, fino poi  addirittura ad arrivare, nell’alta Puglia, da Bari a Vieste.

Articolo realizzato dagli alunni Carlo Campobasso, Lucrezia Cantelmo, Arianna Longo, Michele Madaro, Alessio Marenaci, Eleonora Potenza, Carolina Rubino e Lorenza Suriano del Liceo Classico Musicale “G. Palmieri” di Lecce nell’ambito del progetto di alternanza scuola/lavoro previsto dalla legge 107/2015

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.