Tempo di lettura: 3 minuti

libri di testo scuolaLECCE – I sistemi scolastici nei vari paesi del mondo hanno tra loro differenze sostanziali relative alle scuole superiori, all’organizzazione delle giornate scolastiche, alla durata delle vacanze, agli orari delle lezioni e molto altro. L’ordinamento dei programmi, ad esempio, può essere deciso a livello nazionale o locale, mentre alcune tra le classi, negli ultimi anni, utilizzano metodi di studio più innovativi che possono non prevedere l’uso del libro. Prendiamo in esame tre fra le scuole ritenute migliori in base alla classifica stilata dal sito VectorNews nel giugno 2016.

scuole-hong-kong

Corea del Sud e Giappone hanno i due sistemi scolastici più efficaci al mondo. Lì la scuola superiore dura tre anni. Ci sono istituti che richiedono un test d’ingresso per potervi accedere e che sono più specifici nelle materie e più indirizzate alla preparazione per l’accesso all’università. Per esempio, ci sono scuole di Scienze, scuole in Lingua straniera e scuole d’Arte. Per quegli studenti che invece non sono intenzionati a proseguire il proprio percorso di studi ci sono scuole superiori professionali, sempre della durata di tre anni, nelle quali durante il primo anno si studiano materie comuni a tutte le classi, mentre nei due anni successivi possono decidere che specializzazione prendere tra: Agricoltura, Tecnologia/Ingegneria, Commercio/business ed Economia domestica. Questi studenti potranno andare a lavorare subito dopo il diploma, anche se negli ultimi anni è stata apportata una modifica, anche gli alunni provenienti da scuole professionali potranno continuare andando all’università.

Ad Hong Kong il liceo dura sei anni. Nelle scuole è rappresentato principalmente il sistema di istruzione britannico. La formazione si svolge in inglese e cantonese. Ma già nella scuola secondaria superiore è divenuta obbligatoria una terza lingua da scegliere tra francese, tedesco, hindi, giapponese, spagnolo e urdu.

scuole-finlandiaIn Finlandia gli studenti, dopo aver frequentato la scuola dell’obbligo, si iscrivono ad un liceo di cultura generale triennale facoltativo, considerato un corso propedeutico all’università. Non esistono scuole private. La scuola è strutturata in corsi suddivisi in blocchi di sette settimane ciascuno. Il percorso può durare da un minimo di due a un massimo di quattro anni, secondo i ritmi dell’alunno, senza che questo venga considerato “fuori corso”. Ogni lezione dura sessanta minuti di cui quindici destinati alle pause.

Abbiamo citato tre delle migliori scuole a livello mondiale, anche l’Italia però viene collocata tra i primi posti. L’istruzione è regolata dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca. L’obbligo scolastico dura dieci anni e riguarda la fascia di età compresa tra i sei ed i sedici anni. La scuola secondaria di secondo gradi si articola in:

-Licei, al termine del quale si consegue il diploma propedeutico al proseguimento degli studi universitari;

-Istituti tecnici e istituti professionali, al termine del quale si consegue il diploma di abitazione ad una professione.

No Ddl buona scuolaTale percorso dura normalmente un lustro, dai quattordici ai diciannove anni. Con la cosiddetta Riforma Moratti ci fu la suddivisione nei tre percorsi distinti, prima citati. Con la Riforma Gelmini, entrata in vigore nell’anno scolastico 2010-2011, si ristruttura il sistema formativo in:

-sei indirizzi;

-due tipologie di istituto tecnico divisi in undici indirizzi;

-due tipologie di istituti professionali divisi in sei indirizzi;

La sua approvazione ha originato un malcontento da parte di studenti liceali ed universitari e forme di protesta come l’occupazione, oltre delle scuole, dei monumenti delle città più importanti d’Italia.

Articolo realizzato dalle alunne Lucrezia Cantelmo e Carolina Rubino del Liceo Classico Musicale “G. Palmieri” di Lecce nell’ambito del progetto di alternanza scuola/lavoro previsto dalla legge 107/2015
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.