Tempo di lettura: 2 minuti

p1020078LECCE – È toccato al Direttore sportivo dell’U.S. Lecce, Mauro Meluso presentare oggi pomeriggio alla stampa la nuova guida tecnica del club giallorosso, Roberto Rizzo. Il responsabile dell’area tecnica ha subito precisato: “Innanzitutto, mi preme ringraziare Padalino ed il suo staff per il lavoro svolto che credo sia stato particolarmente positivo nonostante l’obiettivo non sia stato raggiunto. Oggi sono qui per presentare Roberto Rizzo anche se non sono io a doverlo presentare vista la sua storia ricca di soddisfazioni nel Lecce calcio. Da subito si è pensato a Rizzo perché fortunatamente era libero e poi perché è particolarmente capace. Ha il merito di aver fatto cose importantissime a livello giovanile, ma anche in Serie A. Ci conosciamo da 30 anni perché abbiamo giocato insieme a Monopoli trent’anni fa, tuttavia questo non ha pesato nella scelta. Sono state invece determinanti le sue qualità di tecnico. Faranno parte del suo staff, Alessandro Morello come vice-allenatore ed il preparatore atletico Paolo Redavid (già nel Lecce di Lerda nel 2014, ndr) per il quale sarà formalizzato l’accordo subito dopo l’allenamento di oggi. Il motivo per cui abbiamo scelto solo ora di esonerare Padalino? Abbiamo pensato che non avremmo vinto i play-off con un handicap legato all’aspetto ambientale. Speravamo che la frattura si potesse ricomporre, ma non è e non sarebbe avvenuto. Con la scelta diRizzo c’è una continuità tattica che ci fa ben sperare. Il fatto che Roberto Rizzo fosse libero ci ha convinti a cambiare. Un messaggio ai tifosi? Di solito preferisco che parlino i fatti; ripeto: abbiamo fatto questo cambio convinti delle qualità di Roberto Rizzo. Il messaggio che avevamo lanciato prima non era stato ricevuto. Non ho bisogno di inviare messaggi perché so che il nostro pubblico ama la propria maglia e so che tornerà a fare il tifo come un dodicesimo uomo in campo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.