Tempo di lettura: 1 minuto

tifosi-del-lecce-a-foggia-19-3-2017LECCE – Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo del signor Valerio Musca, grande tifoso del Lecce dopo la conferenza stampa congiunta di ieri pomeriggio del tecnico Pasquale Padalino e dei dirigenti del club giallorosso con le motivazioni addotte dai protagonisti che non lo hanno del tutto convinto e cerca di spiegarne così le ragioni:

Dare le spiegazioni a chi le merita (?), perché cosi faccio con mio figlio (chissà cosa ne penserà Tsonev, dico io). I fatti non sono andati per come sono stati raccontati… Ma di quali fatti parliamo??? O veramente vogliamo pensare che una foto, o un rientro in pullman, (forse per gli ingenui…) possa essere la pietra dello scandalo? L’unico metro reale di giudizio è dare alla tifoseria la sensazione che si sia butatto il sangue per i 90 minuti giocati, specie contro una formazione superiore, come da sempre sostengo che sia il Foggia. Carletto Mazzone diceva: ‘Se non possiamo confrontarci tecnicamente, certamente lo potremo fare sotto l’aspetto agonistico della corsa dell’impegno’. Domenica, e non è la prima volta, ciò non è successo: quest’aspetto è colpa del ‘manico’ ed a me dà fastido, non le foto di abbracci con gli avversari o i mancati rientri in pullman in sede dopo il derby. Questo pubblico (i tifosi leccesi, ndr) ha ripetutamente dimostrato di saper accettare sconfitte, addirittura retrocessioni, se il ‘valore dell’impegno’ è visibile in modo tangibile. Tempo 15 giorni e se, a livello di risultati, mai sia le cose si mettessero male, vedrete che la colpa sarà data ai tifosi; imprimetevi bene in mente questa mia frase finale… Lo stimavo lu ‘Pascalinu’, ma ora mi sento tradito e non per un risultato seppur molto importante, ma per l’impegno mancato“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.