Tempo di lettura: 3 minuti

pasquale-padalino-3-2-2017LECCE – Dopo una settimana di fuoco, che lo ha visto prima finire sul banco degli imputati da parte della tifoseria giallorossa per il ko a Caserta del suo rivoluzionato Lecce e poi difeso a spada tratta dalla società al completo, per mister Pasquale Padalino domani ci sarà di nuovo il campo a dare l’unico giudizio insindacabile. La sfida contro il Siracusa, che vedrà Lepore e compagni tornare a giocare in casa dopo due trasferte consecutive, sarà la controprova delle dichiarazioni di impegno massimo e massima concentrazione che il gruppo intende mostrare ai propri supporters, soprattutto dopo il sostegno ricevuto nell’allenamento di ieri da parte degli Ultrà Lecce.

Latteggiamento mentale della squadra– “Questa è stata una settimana di grande impegno da parte dei ragazzi, come del resto avviene da sei mesi a questa parte. Da loro, uomini di una certa caratura, avverto sensazioni positive; hanno una gran voglia di essere subito protagonisti al cospetto di tante chiacchiere che sono state fatte, su una squadra che, comunque, è stata sempre protagonista. Ringrazio la società e i tifosi che sono venuti ieri allo stadio ad incitarci, sono persone che amiamo e ringraziamo, che dopo una sconfitta subita amaramente hanno un pensiero positivo in un contesto dove si cerca sempre la negatività. Parlo di quelli che cercano un po’ di notorietà da dietro ad una tastiera, senza mai farsi vedere…”

squadra-lecce-a-catanzaroCaturano, Agostinone e le scelte di formazione- “Sono entrambi disponibili. Ad inizio settimana hanno svolto un lavoro differenziato, ma oggi sono ok. Agostinone aveva accusato un problema più serio e si è allenato col gruppo solo stamattina e resta in dubbio. Se non dovesse facecela, al suo posto giocherebbe un esterno basso di ruolo. Non penso, quindi, di riproporre Lepore da terzino come successo a Caserta, perchè quella era una situazione particolare. Sasà invece è a posto, ha lavorato con il gruppo già da ieri. Doumbia? Vorrei chiarire che le scelte che faccio su chi schierare sono frutto di valutazioni ad ampio raggio e non riguardano esclusivamente lo stato di forma. A Caserta ho schierato Torromino che prima di infortunarsi era considerato un intoccabile perchèci sono dei valori assoluti in un gruppo dai quali non si può prescindere. Comunque mi fa piacere che ora in molti si siano ricreduti su Doumbia, visto che in estate solo in pochi l’avrebbero voluto riconfermare, eccezion fatta per il sottoscritto, il mio allenatore in seconda Di Corcia e il diesse Meluso. La mia intenzione è quella di soddisfare tutti, a partire da noi stessi, per il raggiungimento di un obiettivo grande, che non può assicurare nessuno, ma verso il quale ci impegneremo al massimo”.

Il Siracusa-La squadra siciliana viene da dei buoni risultati; anche contro le squadre d’alta classifica ha fatto bene; tuttavia cercheremo sempre la vittoria, ma senza farci prendere dalla frenesia, o da un eccesso di entusiasmo per dimostrare qualcosa che in realtà non c’è da dimostrare. Ci vogliono pazienza ed equilibrio in tutte le gare. Non bisogna mai dimenticare che in ogni partita può succedere di tutto“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.