Tempo di lettura: 3 minuti

natale-e-in-conteaCASTRO – A Castro, Gesù Bambino rinasce nel Medioevo con la manifestazione “Natale è in Contea” giunta alla sua nona edizione. In uno scenario unico al mondo, la cittadina che si affaccia sul Mare Adriatico e che conta appena duemilacinquecento anime, con le case colorate incollate alle falde, a grappoli sulla roccia, si presta perfettamente a fare da scenario per una rappresentazione giunta alla sua nona edizione ed organizzata dalle Associazioni Castro Medievale e Castro Antica, si avvale della preziosa collaborazione di tanti volontari, che con spirito di abnegazione si dedicano alla realizzazione. La prima edizione, svolta nel 2008, ha ottenuto un buon successo di pubblico con circa 18.000 presenze, cresciute negli anni tanto da arrivare poi a circa 40.000. La Contea di Castro ritrae un passato carico di gloria comincia dal “comital castello“, sospeso in cima alla città, prospiciente la storica piazza d’Armi, che da un senso di rilievo a tutta la costruzione e soprattutto alla facciata. Un passato di grandezza, ricco di interessi culturali, è offerto dalla Cattedrale, dal Palazzo vescovile, dai palazzi gentilizi e dalle case antiche, dall’araldica, a testimonianza della presenza di vescovi e conti illustri. Ad ogni passo, in ogni vicolo, su per le stradine dell’interno, è una continua rievocazione storica.

natale-in-contea-castroPer tuffarsi in un’atmosfera fatata basta farvi un salto nei giorni 26 dicembre 2016, 1 e 6 gennaio 2017 dalle ore 17:00 alle 21:00. Durante il “Natale in Contea“, nel Borgo Medievale della cittadina, si svolgerà una sfilata di personaggi, dal Vicerè di Napoli, alla Gran Contessa Elisa Gattinara, dai cavalieri, alle nobildonne, dai mercanti, ai popolani, dall’esercito del Conte, agli arcieri del castello, dal Vescovo Angelo Giaconia, al Capitolo della Cattedrale, dall’esercito ottomano, all’ordine dei Templari di Castro. Negli angoli più caratteristici del borgo antico si terranno rievocazioni di vita medievale con arti e mestieri, spettacoli itineranti, musici cantastorie, danzatrici, sbandieratori, combattimenti con spade, novità di quest’anno sarà la piazza d’armi, dove sarà allestito un accampamento con soldati ed arcieri. In pieno spirito medievale, i visitatori potranno incontrare diversi personaggi: il pellegrino che intarsia il proprio bastone, popolane che lavano i panni e sistemano la propria capanna, ragazze che costruiscono coroncine di fieno e fiori o rammendano i propri abiti logori, ragazzi che giocano ai cavalieri con spade di legno e uomini che discutono intorno al fuoco. Inoltre, in un tripudio di colori e antichi profumi tipici della quotidianità medievale, il mercato sarà animato dallo speziale con il suo bancone pieno di curiosità e segreti, dal ciabattino abile col modellare e colorare il cuoio, dall’armaiolo che piega il ferro, dall’amanuense, dal ceraio, dal falegname, dal panettiere e dalla locandiera….

natale-in-conteaUna scena molto suggestiva e ricca di storia, sarà quella che si occuperà di far rivivere gli archeologi del tempo che, con arte e maestria, rimetteranno in ordine i vari cocci di numerosi ritrovamenti d’età messapica avvenuti nella Contea e illustreranno gli scavi dove è stata rinvenuta la statua della Minerva. In fine, ma non per ultimo, ritornerà il Convento, scena che ha riscosso sempre molto successo, frutto di un minuzioso lavoro di ricerca messo in atto dai ragazzi della “Schoola Cantorum Maria SS. Annunziata“. Le Associazioni “Castro Medievale” e “Castro Antica“, custodi della preziosa memoria storica, hanno allestito nel Borgo Medievale la rappresentazione. Saranno circa in 100 i figuranti in ricchi costumi d’epoca (realizzati a mano dalle sarte del luogo) che rievocheranno episodi significativi della storia della Contea di Castro.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.