Tempo di lettura: 2 minuti

palazzo-de-castro-squinzano-ass-agoraSQUINZANO (di  Daniela D’Anna) – A Squinzano, nella suggestiva cornice del tardo Settecento di Palazzo De Castro, dimora un tempo della casata spagnola De Lemos ma oggi appartenente alla famiglia Metrangolo, è stata presentata ieri sera l’Associazione culturale “Agorà(mail: circoloagora2016@libero.it – facebook: circoloagora2016, presidente Mario Pede; segretario Matteo Caretto). Promossa e costituita da un gruppo di ragazzi del Nord Salento, con sede a Campi Salentina, riuniti in un contesto di promozione sociale che aderisce alla rete Arci. Gli eventi che Agorà intende ospitare vertono su spazi relativi ad appuntamenti culturali e che si estendono dalle iniziative di sensibilizzazione, a quelle di volontariato, passando attraverso la collaborazione con enti pubblici e privati.

Mario Pede

È nata da un’idea estiva concepita in nuce sulla spiaggia, come racconta il presidente Mario Pede (nella foto accanto), il quale aggiunge che la scelta del nome è emblematica e per questo sono rimasti in stand-by per due mesi, “un periodo in cui si è giunti alla consapevolezza che in questo termine si condensano aspettative in tono evocativo e che aprono il panorama della classicità greca, appunto la Piazza, nel contempo adattabile ad ogni circostanza”, come hanno dichiarato i promotori.

di-contrabbando-ennio-ciotta-agoraNell’occasione, Ennio Ciotta, giornalista brindisino che vive a Lecce, ha presentato la sua seconda fatica letteraria, dopo “Street Art”, un saggio di successo, come tende a sottolineare, e che ora si ripresenta con “Di Contrabbando”. La casa editrice è Bepress, una propaggine di Mimesis. L’opera narra la storia del gigantesco e lucroso fenomeno di (mal)costume che racchiude il racconto di un amore vissuto negli Anni Novanta a Brindisi e contestualizzato con una vicenda legata ad un male incurabile.

Ciotta, la sua opera è autobiografica?

Direi di no”.

Come nasce l’idea del libro?

Da due punti di partenza: parlare, appunto, degli anni ’90 a Brindisi quando spadroneggiava il mondo del contrabbando e dall’osservazione dell’allora presente per capire la cronaca, conoscendo la storia”.

A quale pubblico si rivolge la lettura del volume?

A tutti. Conduco dei laboratori nelle scuole e non è casuale perché le maestre e le mamme godono del massimo rispetto nel mondo da me indagato. Poi porto il libro nei Centri sociali e nelle librerie”.

Quale messaggio vuol dare al lettore?

In realtà, nessuno”.

Intanto, ha già in cantiere un altro libro…

Sì, ci sarà il sequel di ‘Di Contrabbando’ e sarà sempre ambientato nello stesso periodo storico, con lo stesso scenario geografico. Poi seguirà un nuovo saggio sulla Street Art”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.