Tempo di lettura: 2 minuti

salvatore-caturanoLECCE – Contro il Cosenza ha sofferto e trepidato per i suoi compagni dalla tribuna perchè squalificato. Salvatore Caturano, bomber del Lecce insieme a Giuseppe Torromino con le sue 8 reti finora messe a segno in stagione, è ora pronto a riprendersi il suo posto al centro dell’attacco giallorosso in una partita certamente stimolante qual è Juve Stabia-Lecce e nella quale cercherà di ritrovare la gioia di una rete personale che ormai manca dall’inizio di ottobre. Nella sfida del “Menti“, i padroni di casa tra le cui fila militano tre ex leccesi (Salvi, Liviero e Rosafio) sfideranno Lepore e compagni nel big match domenicale del Girone C. Di questo e di altri temi ha parlato stamane il numero 18 salentino, che ha così commentato: “Per fortuna la squalifica è passata… Domenica ho dovuto seguire la partita con il Cosenza dalla tribuna per via della squalifica, avevo una voglia matta di scendere in campo. Se mi manca segnare? Come ho avuto modo di dire in altre occasioni, io vivo per il gol, come tutti gli attaccanti. Mi manca tanto la rete, ma in primo piano viene la squadra poi, se dovesse arrivare un mio gol, tanto di guadagnato, ma bisogna sempre pensare da squadra; le gare si vincono facendo gruppo, non col singolo giocatore. Sono partito col botto, poi mi sta succedendo di non segnare da 6 gare. Stiamo attraversando un momento particolare, che nell’arco di un’annata ci può stare, tutti noi dobbiamo iniziare a fare quel qualcosa in più rispetto a ciò che stiamo facendo, ma sono sicuro che presto ne usciremo il prima possibile. Ci sono in tutti grandi motivazioni e voglia di riscatto, il che rappresenta la forza del nostro gruppo, dove tutti giochiamo per la squadra e non per il singolo. La prossima gara? Quello di Castellammare è un ambiente particolare, è una piazza molto esigente, un po’ come Lecce. Domenica sarà una partita difficile sia per loro che per noi. Andremo lì a giocare a viso aperto e faremo di tutto per conquistare i tre punti. Tra l’altro, lì ci saranno amici, familiari e conoscenti quindi una ragione in più per fare bene e magari far gol per esultare verso di loro. Con Torromino ho un rapporto d’amicizia straordinarioo dentro e fuori il campo. Abbiamo sempre giocato insieme in queste 12 gare e ci troviamo bene: merito del mister e dei compagni. Il campo sarà un sintetico non messo benissimo, ma non credo che questo non sarà un problema nonostante non siamo abituati, infatti ci stiamo allenando su una superficie simile; andremo lì con tanta voglia che non ci faremo neanche caso. Di amici nella Juve Stabia ce ne sono diversi, ma in questa settimana non mi sembra il caso di sentirci. Con Stefano (Salvi, ndr) ci siamo sentiti nelle scorse settimane ma in campo non si guarda in faccia nessuno. Si è avversari e basta. Di loro, oltre Salvi e Liviero, conosco Salvatore Sandomenico e Francesco Ripa perchè abbiamo lo stesso procuratore”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.