Tempo di lettura: 2 minuti
 Andrea Arrigoni
Andrea Arrigoni

LECCE – Andrea Arrigoni è arrivato a Lecce per dare al gioco della squadra giallorossa geometrie e fosforo. Il ruolo in cui mister Padalino lo schiera è quello del play che staziona davanti alla difesa per assicurare alla retroguardia leccese la necessaria copertura, sempre pronto tuttavia ad innescare i compagni in rapide ripartenze che capovolgano l’azione quando si subisce un’offensiva. Il suo innesto nei meccanismi è stato rapido, anche se nelle ultime uscite è apparso con un po’ di smalto in meno e qualche difficoltà in più a causa delle spietate marcature che gli avversari gli riservano nella speranza di inaridire la fonte di gioco salentina. Stamane, l’ex Cosenza si è presentato in sala stampa allo stadio “Via del Mare” proprio per rispondere a questa e ad altre domande, come quella sulla sua coesistenza col compagno di reparto Fiordilino: “Con lui ho un ottimo rapporto sin dai tempi di Cosenza dove giocavamo spesso insieme, ma con il modulo 4-4-2 che portava entrambi ad agire da classici mediani davanti alla difesa. Abbiamo giocato poco così a Lecce, ma potremmo essere schierati allo stesso modo pure qui”.

La giusta ricetta – “Il Lecce deve riprendere la strada giusta solamente nel senso di tornare alla vittoria. Finora abbiamo fatto bene, abbiamo ottenuto tanti punti e siamo in testa alla classifica. Sicuramente dobbiamo cercare di miglioraci su quelli che sono gli errori che possiamo commettere ma, comunque, siamo consapevoli che finora abbiamo fatto bene. Come ha detto mister Padalino, dobbiamo migliorare sulla gestione della palla in alcune situazioni e stiamo lavorando su questo. Quando una partita rimane aperta, come è successo domenica scorsa (contro la Vibonese, ndr), corri sempre il rischio di non portarla a casa perché un singolo episodio può cambiare il risultato. Da questo punto di vista dobbiamo essere bravi a capitalizzare le occasioni create per chiudere definitivamente una gara. Tuttavia, la condizione fisica non credo sia un problema in tal senso”.

Andrea ArrigoniNessun rimpianto – “Un po’ di rammarico resta. Però più che sui risultati registrati domenica scorsa, io mi soffermerei magari sul fatto come questi risultati siano la dimostrazione che tutte le gare in Lega Pro sono difficili e di risultati scontati non ce ne sono. Qui a Lecce per me è un’occasione importante, forse la più importante della mia carriera, devo solo portare avanti quelli che sono i miei valori e cercare di dare sempre il massimo ed essere utile alla squadra”.

La Virtus Francavilla – “Verso di loro abbiamo il massimo rispetto, del resto come verso tutti i nostri avversari, ma non possiamo deludere i nostri splendidi tifosi. Dovremo giocare cercando di esaltare le nostre caratteristiche e trovare i loro punti deboli”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.