Tempo di lettura: 2 minuti

salvatore-caturano-vs-regginaLECCE -Un attaccante così il Lecce lo cercava da anni. L’ottimo rendimento di Salvatore Caturano in questo avvio di stagione con la maglia giallorossa addosso (8 gol in 7 giornate) è uno score di tutto rispetto che ha portato illustri commentatori calcistici nazionali a fare paragoni ingombranti per una giovane punta che sta vivendo, almeno se lo augura lui stesso, la società salentina e la tifoseria locale, la sua stagione di consacrazione. Non è infastidito da simili accostamenti con “mostri sacri” del calcio, ma da persona matura e consapevole dei propri mezzi, sa bene che deve andare solo avanti, non prestare troppa attenzioni a pur lusinghiere attestazioni o rimpianti (come nel caso del Bari) e concentrarsi sulla stagione che la truppa giallorossa sta conducendo in maniera finora brillante. Le spalle le ha larghe e non ha timore di caricarsi il peso dell’attacco el Lecce o delle aspettative dei supporters che lo hanno eletto loro beniamino. Il buon Sasà è conscio delle difficoltà che ogni domenica può riservare a lui ed alla sua squadra, tenacemnete voluta e ritrovata in estate grazie alla sapiente trattativa imbastita dal Ds Mauro Meluso che lo ha riportato nel Salento e dove lui sta ripagando tutti della stima e dell’affetto ricevuti. Stamane, il numero 18 del Lecce ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

gol Caturano a MonopoliSASÀ CAPOCANNONIERE-È una bella soddisfazione essere in testa alla classifica marcatori, anche se ci tengo a specificare che, se sto facendo quel che sto facendo, il merito è della società, del mister e dei miei compagni che mi stanno mettendo nelle condizioni di rendere così bene. Il mio record di marcature è di 18 reti segnate quando ero al Melfi, anche se quest’anno sono partito più forte rispetto ad allora… Per un attaccante il gol è tutto e, come ho affermato due settimane fa, cerco sempre di migliorarmi e andare oltre anche se mantengo i piedi per terra”.

LA VIBONESE- Parlando del prossimo avversario da affrontare domenica pomeriggio in trasferta al “Razza“, Sasà Caturano aggiunge: “Incontreremo una Vibonese in difficoltà? Sulla carta è un avversario meno forte di noi, ma io ricordo perfettamente la gara dello scorso anno con la Lupa Castelli Romani… Non bisogna mai sottovalutare l’avversario, andremo lì con la giusta mentalità”.

Caturano con AltovicentinoLA DIFFIDA- Poi ecco il passaggio sulla diffida in cui è entrato da domenica scorsa, dopo il quarto cartellino giallo che si è visto sventolare in faccia dall’arbitro Dionisi contro la Reggina: “Già quattro ammonizioni? Non mi era mai capitato prima di prendere quattro ammonizioni in sette partite. Di sicuro, il fatto di essere diffidato non mi condizionerà, non mi tirerò indietro in qualsiasi momento della gara. Il mio auspicio è quello di fare un salto di categoria, ma lo voglio fare con i colori giallorossi addosso“.

LA CLASSSIFICA- Quindi una valutazione sulla corsa tra le squadre che sono al vertice della graduatoria nel Girone C: “Il primo posto in classifica? Il calendario non è mai semplice, cercheremo di tenerci stretta questa posizione, dovremo stare sereni, ma sempre con la mentalità vincente”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.