Tempo di lettura: 3 minuti

Sasà Salvatore CaturanoLECCE (di Luca Manna) – Il Lecce continua la sua marcia bella, quasi inarrestabile e con un segno ben definito e forte, quello del suo bomber principe Sasà Caturano. In questi anni di Lega Pro tante volte abbiamo ripetuto come a questa squadra mancasse una punta da 20 goal a stagione, che sappia farsi trovare sempre pronta alla minima occasione e che metta pressione alla difesa avversaria, costringendola a tenere sempre l’attenzione alta ed a continui raddoppi di marcatura che, prima o poi, portano all’errore o alla distrazione fatale.

Moscardelli in panchinaGrande è stato il lavoro nelle due stagioni passate di Davide Moscardelli, ma risultava abbastanza evidente che, per caratteristiche tecniche, il “bomber” per eccellenza abbia fatto più di quanto richiesto e che forse la vera ambiguità tattica del Lecce degli ultimi 2 anni fosse il continuo affidarsi ad un modulo che prevedesse il Mosca unica punta senza provare invece a giocare con un centravanti classico accanto all’attuale attaccante dell’Arezzo.

Ma il passato ormai è un lontano ricordo e quest’anno possiamo goderci domenica dopo domenica lo splendido senso del goal del nostro numero 18, che con i suoi goal (8 in campionato finora) sta trascinando il Lecce in questa bellissima corsa con Foggia, Matera e Juve Stabia. Sasà Caturano è un attaccante moderno, di quelli sempre presenti in area di rigore, capace di giocare anche per i compagni di squadra e che non si tira indietro quando c’è da partecipare attivamente anche alla fase  di non possesso. Di lui, oltre alla grande capacità realizzativa, piace lo spirito di abnegazione, il saper creare spazi con un perpetuo movimento, la facilità nel trovare l’assist e la continua ricerca della giocata, anche spettacolare, che può risolvere le partite in ogni momento.

Caturano esultanza CatanzaroLunga è stata la rincorsa quest’estate da parte del Ds Meluso il quale, su richiesta specifica di Padalino che lo voleva anche lo scorso gennaio a Matera, aveva messo Caturano in cima alla lista dei desideri e dopo lunga e a tratti estenuante trattativa è riuscito a riportarlo a Lecce in prestito con diritto/obbligo di riscatto, che altro non è che un acquisto a titolo definitivo. Sasà aveva espresso chiaramente quale fosse il suo desiderio: tornare a Lecce e giocare da protagonista, questa volta nel suo vero ruolo, senza strani piazzamenti sulle fasce come lo scorso anno che lo hanno fatto rendere ben al di sotto delle sue reali potenzialità. Il suo cartellino era (e tecnicamente lo è ancora) di proprietà del Bari e l’allenatore dei “galletti”, Roberto Stellone, magari oggi vorrebbe aver trattenuto a tutti i costi il giocatore che però ha ammesso di non conoscere e di sapere che voleva solo vestire il giallorosso. Infatti, nonostante la stima e la fiducia di tutto l’ambiente barese e la categoria superiore, Salvatore Caturano da Napoli ha scelto il Lecce e già questo ci ha fatto innamorare. Lo ha fatto consapevole che il rischio fosse alto, ma anche sicuro che, se messo in condizione, sa fare la differenza e così sta avvenendo…

torromino-e-caturanoI campionati si vincono insieme, giocando da squadra come il Lecce sta facendo, ma poi ci sono le individualità che ti risolvono quelle partite bloccate, dove gli avversari fanno le barricate e l’orologio corre più veloce. E allora capita che una Reggina ben organizzata, imbrigli i continui tentativi di un Lecce arrembante, ma poco cinico e un po’ disordinato, ma ad un certo punto un pallone calciato verso la porta venga respinto, resti lì in mezzo all’area di rigore ed ecco la giocata rapace di chi vede la porta come pochi: Caturano-goal, 1-0 e tre punti fondamentali portati a casa.

sasa-caturanoLa scorsa settimana Caturano aveva dichiarato che la mancanza del goal (2 partite) iniziava a  farsi sentire, a dimostrazione di quanto lui viva per gonfiare la rete, e puntualmente non si è fatto sfuggire la possibilità di “timbrare il cartellino” ma, soprattutto, ha dichiarato senza paura che il suo grande sogno è tornare in Serie A con questa maglia. Beh, Sasà, devi sapere che questo è anche il nostro grande sogno e allora te lo chiediamo con tutto il nostro amore: continua così ed un passo alla volta realizziamolo insieme!

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.