Tempo di lettura: 2 minuti

Mirko Drudi - LecceLECCE – Si è presentato ufficialmente oggi alla stampa ed ai suoi nuovo tifosi l’ultimo arrivato in casa-Lecce. Si tratta del difensore centrale Mirko Drudi, classe 1987, prelevato dal Ds Mauro Meluso dal Santarcangelo, formazione del Girone B di Lega Pro con cui ha collezionato 29 presenze e che si propone quale valida alternativa ai due attuali titolari del pacchetto centrale difensivo formato da Giosa e Cosenza, ma non disdegna un ruolo da mediano all’occorrenza. Si tratta della sua prima esperienza nel raggruppamento meridionale che valuta dall’esterno duro e alquanto fisico. “Appena ho saputo della proposta del Lecce ho pensato di andarci subito, poiché questa è una piazza importantissima e che ha una grande tifoseria. A 29 anni è un’occasione importante che non potevo lasciarmi certo sfuggire”.

Ecco come si descrive tecnicamente: “Ho iniziato a giocare come centrocampista, poi sono arretrato come difensore centrale. Mi piace giocare la palla, cercare il fraseggio con i compagni ed i passaggi corti. Sono qui per migliorarmi ed imparare da calciatori forti, mettendomi in gioco. Arrivo in punta di piedi, il fatto che ci siano in squadra elementi importanti è per me uno stimolo in più e spero di riuscire a ritagliarmi uno spazio e di inserirmi il prima possibile in questo gruppo. Tra i nuovi compagni conosco solo Torromino e Pacilli per averci giocato contro. Mister Padalino mi ha spiegato il suo credo calcistico e posso affermatre che combacia col mio”.

A Monopoli era già con la sua nuova società a festeggiare l’esordio in campionato con successo: “Le impressioni che ho avuto sulla gara di Monopoli, a parte magari i primi venti minuti, sono state ottime. Abbiamo infatti faticato un po’ all’inizio, ma poi siamo usciti alla grande, tant’è che potevamo andare anche sul 3-0…”

Infine, una battuta sui supporters giallorossi e su ciò che si sente di promettere loro per la stagione appena iniziata: “Posso solo promettere di sudare la maglia per raggiungere l’obiettivo di tutti noi, cioè la promozione, mettendoci il massimo impegno e dedizione”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.