Tempo di lettura: 2 minuti

PacilliLECCE – Anche a “Marassi” ha dimostrato quanto possa essere utile alla causa del Lecce. Parliamo di Mario Pacilli, subentrato quando il Genoa era in vantaggio, lo sgusciante attaccante giallorosso ha messo in crisi la retroguardia ligure con inserimenti rapidi, così come ha fatto Torromino, schierato in cntemporanea con l’ex avanti della Cremonese. Pacilli analizza così la sfida di Coppa Italia: “Secondo me ieri abbiamo a Genova disputato un’ottima gara, in uno stadio importante e contro una formazione di Serie A. Ce la siamo giocata alla pari col Genoa, alla fine abbiamo perso, ma non abbiamo certo demeritato. Sul piano del gioco non siamo stati inferiori al nostro avversario, abbiamo giocato a viso aperto, ribattendo colpo su colpo. In vantaggio per 2–1 ci stavamo credendo, poi credo che abbiamo pagato i 120 minuti di Ascoli”.

Il numero 11 leccese poi parla del momento di forma della squadra: “Dopo questo mese di lavoro credo che il nostro bilancio sia positivo. Stiamo cercando di mettere in pratica quello che ci chiede mister Padalino, cercando di fare sempre il nostro gioco a prescindere se giochi con l’Altovicentino, l’Ascoli o il Genoa. Secondo me siamo riusciti in queste tre gare ad avere una nostra identità di gioco, certamente, c’è tanto ancora da lavorare per migliorarsi, però, siamo sulla buona strada”.

Il Ds Meluso e Pacilli alla firma del contratto
Il Ds Meluso e Pacilli alla firma del contratto

Su un possibile esordio di campionato a Monopoli e sulle favorite per la promozione in B, Pacilli aggiunge: “Nelle prime gare di campionato spesso non si vedono i reali valori delle squadre per un discorso legato alla tenuta fisica. Dovremo farci trovare pronti per l’esordio perché sarebbe importante fare un bel filotto, anche se bisogna ragionare gara per gara. In questo momento siamo proiettati sul Monopoli. Quali le squadre da tenere d’occhio? Foggia, Juve Stabia, Catania e qualche altra, sono tutte attrezzate per disputare un buon campionato; poi, come in ogni torneo, ci può essere la squadra sorpresa che senza partire con i favori del pronostico può dare fastidio”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.