Tempo di lettura: 3 minuti

Tim Cup Lecce ad AscoliASCOLI – Un Lecce garibaldino e fisicamente più avanti nella preparazione atletica mette paura e batte 8-9 l’Ascoli ai calci di rigore allo stadio “Cino e Lillo Del Duca nella sfida che valeva il passaggio al terzo turno di Tim Cup a “Marassi” il prossimo sabato 13 agosto contro il Genoa. Le reti dei giallorossi portano le firme di capitan Checco Lepore che ha sbloccato la partita al 38° del primo tempo e di Salvatore Caturano che, al 12° della ripresa, ha messo a segno il classico gol dell’ex.

I giallorossi hanno ben figurato per larghissimi tratti, frutto della determinazione che la truppa salentina ci ha messo contro un avversario che ha palesato limiti nella costruzione del gioco e lacune nella propria rosa. Mister Aglietti ha schierato la sua squadra col 4-3-3, lo stesso modulo tattico adottato dal Lecce che però è parso più in palla, offrendo il fianco ad alcune incursioni bianconere ma sulle quali Gomis ha quasi sempre risposto presente.

Sembrava una partita segnata, ma nel calcio mai dire mai, soprattutto se si tratta di calcio d’agosto… Così il primo gol degli ascolani è stata una rocambolesca autorete di Giosa su tiro di Gatto. In contropiede il Lecce ha pure sfiorato la terza rete che non è arrivata solo per la mancanza di lucidità degli avanti giallorossi in area avversaria. Il pareggio dei padroni di casa è invece giunto in pieno recupero (addirittura 6 i minuti concessi da Nasca di Bari) grazie a Mengoni sugli sviluppi di un corner che ha fatto andare le due squadre ai supplementari.

Nel primo overtime, i giallorossi hanno accusato psicologicamente il colpo dell’inatteso pari ascolano e sono apparsi più appesantiti sulle gambe. Diversi giocatori hanno avvertito accenni di crampi, badando più a difendere che a cercare la rete del vantaggio. Dopo una traversa clamorosa colta da Jaadi al 98′, il Lecce ha poi sfiorato il terzo gol con Vutov che ha impegnato severamente Lanni. Doumbia ha provato nel finale del primo tempo supplementare a spaventare l’Ascoli, ma il portiere marchigiano gli ha detto di no.

Il Lecce ad AscoliIl secondo tempo supplementare è iniziato con una colossale palla-gol fallita ancora da Doumbia su assist di Vutov che conferma le buone impressioni lasciate al suo debutto contro l’Altovicentino. Lo stesso attaccante bulgaro crea nel finale di match una ghiotta occasione calciando forte verso la porta con la sfera che si trasforma in un servizio per Maimone che però non si aspettava un pallone tanto potente sulla sua fronte e la chance sfuma. Le due squadre non trovano la via della rete che eviti i rigori e la sfida viene decisa dai penalty.

Dal dischetto, la lotteria dei calci di rigore vede segnare Pecorini, quindi Vitofrancesco, Jaadi calciare fuori, Vutov superare Lanni, non sbagliano Lazzari, Giosa, Orsolini, ma poi Fiordilino fallisce il suo tiro dagli 11 metri colpendo il palo e poi la schiena del portiere, Gatto segna, Lepore non sbaglia, così come fanno Augustyn, Arrigoni, Hallberg e Ciccio Cosenza, fino all’errore di Mengoni che permette a Ciancio di regalare ai giallorossi il passaggio del turno in Coppa Italia.

IL TABELLINO: ASCOLI- LECCE 8-9 dcr (2-2)

ASCOLI (4-3-3): Lanni; Pecorini, Augustyn, Mengoni, Felicioli; Bianchi, Carpani (68′ Hallberg), Giorgi (78′ Lazzari); Orsolini, Perez (64′ Jaadi), Gatto. A disposizione: Ragni, Gigliotti, Quaranta, Parlati, Manari, Addae, Cinaglia, Jallow, Iotti. All. Aglietti.

LECCE (4-3-3): Gomis; Vitofrancesco, Cosenza, Giosa, Ciancio; Lepore, Arrigoni, Mancosu (64′ Maimone); Pacilli (68′ Vutov), Caturano (86′ Fiordilino), Doumbia. A disposizione: Chironi, Bleve, Contessa, Vinetot, Persano, Morello, Capristo, Monaco. All. Di Corcia (Padalino squalificato).

ARBITRO: Luca Nasca di Bari

AMMONITI: Mengoni (A), Mancosu (L), Pacilli (L), Pecorini (A), Gatto (A), Doumbia (L), Vutov (L)

NOTE: Serata fresca, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 4725 per un incasso di 41.308,50 €. Recuperi: 0′ pt, 6′ st

RETI: 38′ pt Lepore, 12′ st Caturano, 29′ st Giosa (autorete), 47′ st Mengoni (A)

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.