Tempo di lettura: 2 minuti
Sergio Contessa con la maglia della Reggina (fonte web)
Sergio Contessa con la maglia della Reggina (fonte web)

COTRONEI – Un’occasione da non perdere su quella fascia sinistra percorsa tante volte nella crescita sportiva. Sergio Contessa, salentino di Erchie, sarà lo stantuffo sull’out mancino di mister Padalino.

Andata e ritorno– “Nel Lecce ho fatto tutta la trafila nel settore giovanile, dai Giovanissimi fino alla Primavera, -rivela Contessa- avendo come allenatori Marchello, Maragliulo e Brunetti. Nel 2008 la mia strada e quella del Lecce si sono divise ed ho fatto un percorso differente. Ritornare a vestire ora la maglia giallorossa non posso vederla come una rivincita, perché le cose sono cambiate nel corso degli anni. Ovviamente non nutro alcun rancore per come sono andate le cose, anzi, in questi anni ho sempre seguito le sorti del club giallorosso. Ora mi si presenta una grossa opportunità, una delle più grandi, perché avere la possibilità di prendermi delle soddisfazioni a casa mia varrebbe doppio”.

Guide– In Calabria si sta acquisendo la giusta amalgama per affrontare l’intera stagione: “Il gruppo che si sta formando in questi giorni di ritiro mi sembra solido –garantisce il terzino- . Lepore, Cosenza e Camisa sono il collante per i nuovi. Tutti stanno facendo la propria parte nella formazione del gruppo, da noi calciatori, allo staff tecnico alla dirigenza. In questi giorni stiamo lavorando sia  da un punto di vista fisico che tecnico-tattico, cercando di assimilare ciò che ci chiede mister Padalino. Finora abbiamo disputato due gare amichevoli, sabato prossimo, con l’esordio nella Tim Cup, ci aspetterà un banco di prova differente”.

In Coppa- L’ex Juve Stabia non si fida dell’Altovicentino, avversario nel primo turno di Coppa Italia in programma sabato sera: “L’Altovicentino l’altro giorno ha pareggiato con il Chievo, nelle due ultime stagioni hanno disputato dei campionati di alto livello nella propria categoria. Cosa ci vuole per fare un buon campionato? Ci vuole tanta costanza e determinazione. A mio modo di vedere avere in rosa giocatori di categoria superiore non è sinonimo di essere sicuri di vincere, perché anche se sei inferiore tecnicamente ma hai delle basi solide la puoi spuntare.” 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.