Tempo di lettura: 3 minuti
Pasquale Corvino
Pasquale Corvino

Dall’euforia legata all’inatteso sogno chiamato Serie B alla paura per un futuro che ad oggi offre pochissime certezze il passo è spesso breve. Lo sanno bene i tifosi della Casertana la cui proprietà, ieri, ha ufficialmente dichiarato di voler cedere l’intero pacchetto azionario del club. Il motivo risiede nella delusione per lo scarso coinvolgimento riscontrato in città anche quando la squadra si è trovata a lottare per un obiettivo che ad inizio stagione era impensabile anche per il più ottimista dei sostenitori.

Nonostante Lombardi e soci abbiano dichiarato con un comunicato ufficiale di voler cedere la società a titolo gratuito, a Lecce sappiamo bene (soprattutto alla luce dell’ultima conferenza tenuta da Saverio Sticchi Damiani) che anche una cessione avvenuta con queste modalità potrebbe richiedere un’importante esborso di denaro da parte di chi subentra.

Un potenziale acquirente, comunque, sembra esserci e la trattativa, secondo le informazioni raccolte, sarebbe già in fase avanzata. Si tratterebbe di Luca Tilia, ex presidente del Martina Franca che, dopo aver portato alla salvezza il club della Valle d’Itria, si è dimesso per problematiche pressoché identiche a quelle lamentate dalla compagine campana. “Qui a Martina è impossibile fare calcio – aveva dichiarato – a causa dell’indifferenza dell’imprenditoria locale e delle istituzioni“.

Il piano d’azione dell’avvocato romano per l’acquisizione del club rossoblu prevederebbe il coinvolgimento di alcuni imprenditori capitolini, ma al momento non c’è nulla di ufficiale e, in ogni caso, gli attuali proprietari della Casertana hanno dichiarato che, in caso di mancata cessione in tempi utili per tutti gli adempimenti burocratici valuteranno il da farsi.

Di seguito il comunicato ufficiale apparso sul sito della Casertana: “L’Assemblea dei soci della Casertana F.C., riunitasi nel tardo pomeriggio odierno, ha manifestato la volontà di cedere l’intero pacchetto di quote a titolo gratuito. Nell’incontro si è preso atto della fine di un ciclo di quattro anni, caratterizzato da grandi successi e  innumerevoli soddisfazioni sportive. Un lungo percorso che ha visto la Casertana risalire la china dopo lustri di dilettantismo, centrando vittorie che resteranno per sempre nella storia rossoblu ed arrivando a disputare per la prima volta i play-off per l’accesso alla serie B. Un patrimonio dal valore inestimabile, frutto del grande lavoro svolto dai soci tutti e da chi ha dato il proprio contributo alla causa rossoblu. Un bilancio assolutamente positivo che, però, in particolar modo nell’ultima stagione, non ha trovato il giusto riscontro: i numeri tutt’altro che esaltanti registrati allo stadio ‘Pinto’ lasciano senza dubbio l’amaro in bocca. Così come non possiamo che essere dispiaciuti per i toni accesi usati in più occasioni nei confronti di questa società. Un grazie va a chi ci è stato sempre vicino ed ha fatto in modo che il nostro progetto potesse crescere di anno in anno. Grazie alle Istituzioni cittadine, alla Prefettura, alla Questura, sempre disponibili al confronto. La Casertana F.C, dunque, ribadisce la volontà di passare la mano, augurandosi che un’eventuale operazione riesca a concretizzarsi nei tempi tecnici richiesti dalle scadenze che la società sarà chiamata a rispettare. Qualora questo non dovesse essere possibile, i soci tutti valuteranno la situazione e il da farsi“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.