Tempo di lettura: 1 minuto

lega-pro-600x398FIRENZE – Il Consiglio Direttivo della Lega Pro che si è riunito ieri affrontando tra i vari temi l’analisi dei recenti fatti di Foggia e Caserta, è servito per dare vita ad un protocollo Fair play condiviso, che parte dal contrasto alla violenza e dalla valorizzazione di azioni virtuose di contrasto. Il documento ha come base il rispetto del codice etico di Lega, delle regole e dei rapporti tra tesserati e dirigenti dei club e prevede che si implementi l’interazione con le Forze dell’Ordine sul territorio ed a livello centrale, oltre ad un più forte sviluppo della figura del Supporter Liaison Officer (SLO) e del progetto del Supporters’ Trust, che favorisce, in particolare, il dialogo tra società e tifoseria.

Gabriele Gravina, presidente Lega Pro

“La Lega Pro ha intrapreso – ha dichiarato il presidente Gabriele Gravina – una lotta decisa nei confronti della violenza, senza indietreggiare. Nel documento presentato si rimarca anche il rispetto assoluto nei confronti dei direttori di gara, prima, durante e dopo la partita. Inoltre, è ancor più importante il rispetto delle regole e dei rapporti tra tesserati e dirigenti di diverse società, in particolar modo nel giorno della gara ed allo stadio. L’accoglienza dei dirigenti ospiti deve diventare un tratto qualificante di ogni club”.

Il Direttivo ha quindi fissato la data della prossima Assemblea di Lega per giovedì 31 marzo per l’approvazione definitiva dello statuto e le elezioni di vicepresidenti e consigliere federale ed ha illustrato il Piano strategico 2016-2018 con obiettivi e sviluppo della sostenibilità. Tra gli obiettivi strategici ci sono governance e responsabilità sociale, gestione e controllo rischi, valore e qualità delle risorse umane e sviluppo del territorio“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.