Tempo di lettura: 3 minuti
Mattia Negro
Mattia Negro

MANFREDONIA – Il Gallipoli torna ancora con le mani vuote da una trasferta, e lo fa, come già successo in altre occasioni, dopo un’ottima prestazione dove a mancare è stato solo il gol. A Manfredonia, l’ennesima sconfitta lontano dal “Bianco” consolida ancora una volta l’ultimo posto e porta a 4 i punti di distacco dall’Aprilia terzultima. Le tante occasioni accumulate dagli ionici non bastano quindi ad invertire il trend di una stagione sfortunata nonostante le oggettive difficoltà che il Gallo sta combattendo. 

La partita– Germano, orfano di capitan Rosato, sposta Difino al centro con Rizzo e schiera Pirretti a supporto di Franzese. Il Manfredonia, nel primo tempo, non riesce a sviluppare trame offensive, salvo l’accelerazione dei primi minuti, a causa, soprattutto, dell’ordine impostato dalla difesa giallorossa, brava a neutralizzare gli attacchi per poi ribaltare il fronte di gioco.

La prima occasione sipontina, uno scambio De Rita-La Porta al 3’, porta al tiro il secondo ma Anastasia neutralizza con i piedi. Il Gallo risponde con le idee di Negro, trascinatore offensivo dei suoi, e Sansò, ma Tarolli c’è. Al 16’ una palla lunga letta male da Coccia apre la via all’inserimento di Negro, anticipato dall’uscita di Tarolli che sradica la sfera dai piedi dell’avversario. Al minuto 18 Anastasia si oppone alla grande, alzando in angolo, a una bordata da Iuculano. Passati i pericoli, il Gallipoli controlla gli avversari e chiude la serranda dell’area. A riaprirla, a tre minuti dal primo tempo, ci pensa De Rita, autore del gol spacca-match. Spunto personale del calciatore sipontino e tiro a giro che beffa Anastasia sul palo lontano. Franzese, poco dopo, prova a rimettere in senso la partita ma Vergori, ex dell’incontro, è provvidenziale.

Il buon atteggiamento del Gallipoli caratterizza anche la ripresa. I padroni di casa faticano a costruire occasioni e a smuovere il torpore ci pensa il solito Negro, che apre il tabellino della seconda frazione con uno slalom secco su due avversari seguito da un tiro centrale per Tarolli. Il gallipolino ci prova anche al 25’ da calcio piazzato, punizione bloccata in due tempi. Vadacca cambia le carte in tavola con De Vita, ma le occasioni sono di marca gallipolina. I giallorossi vanno vicini al pari con Carbone, ma una chiusura di Colombaretti prima e una parata di Tarolli dopo negano la gioia del primo gol col Gallo all’ex Taranto. Nei minuti finali, il Manfredonia si riassetta meglio per contenere l’eventuale forcing finale e mette in saccoccia tre punti importanti per provare ad uscire dalla zona playout. Al Gallipoli non bastano più gli elogi, la situazione è ormai compromessa e la salvezza appare sempre più una mission impossible.

Il tabellino

Manfredonia-Gallipoli 1-0

Manfredonia: Tarolli, Romeo, Colombaretti, Albanese (27’st De Vita), Vergori, Coccia, Cimino, Gentile, Iuculano (48’st Stajano), La Porta, De Rita (37’st Totaro). In panchina: Tucci, Bruno, De Filippo, Lorito, Bozzi, Romito. Allenatore Vadacca.

Gallipoli: Anastasia, Mauro, Portaccio, Fonzino, Difino, Rizzo, Negro, Sansò (35’st Iurato), Pirretti (11’st Buccarella), Franzese, Carbone. In panchina: Corina, Greco, Fadl. Allenatore Germano.

Ammoniti: Romeo, Colombaretti (M), Rizzo (G)

Marcatori: 42’pt De Rita

Arbitro: Paride Tremolada di Monza (Contini di Matera – Salvatore di Moliterno).

Note: pomeriggio nuvoloso, temperatura intorno ai 13°C. Recupero: 0’pt, 4’st.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.