Tempo di lettura: 1 minuto

divieto fumo 800LECCE – Dopo l’introduzione del decreto legislativo numero 6 del 12 gennaio scorso con il quale si fa divieto di fumare anche all’esterno e nelle vicinanze dei nosocomi, l’ufficio tecnico dell’ospedale “Vito Fazzi ha fatto affiggere i cartelli di divieto, con riferimento alla direttiva europea che l’Italia ha recepito.

Ma c’è dell’altro. Ha anche provveduto a ritirare i portacenere sparsi in ogni zona esterna all’ospedale del capoluogo salentino. A questo punto, i fumatori incalliti che vanno a trovare il parente ricoverato al “Fazzi”, non trovando più il posacenere sul balcone dove sono soliti andare a fumare, si sentono autorizzati a buttare le cicche per terra, sul terrazzino del reparto. A queste persone non passa minimamente per la mente che il divieto impone di non fumare per quella mezz’ora di visita al familiare malato. Perciò accade che i mozziconi di sigarette si accumulino sul ballatoio e, trasportati dall’acqua piovana, vadano ad intasare le canaline di scolo. Il risultato è che il balcone spesso finisce con l’allagarsi.

cicche ospedale 300Dunque resta aperto il quesito su che cosa fare. E si tratta di un vero e proprio rompicapo per l’Ufficio tecnico dell’ospedale più grande del Salento. È difficile, infatti, riuscire a far cambiare abitudini, tra l’altro nocive e malsane per se stessi e per chi si trova nei paraggi di un fumatore, a chi vuole continuare ad agire badando esclusivamente ai propri vizi.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.