Tempo di lettura: 1 minuto
lepore
Lepore al momento del gol in Lecce-Foggia 3-1

LECCE – “Così si gioca solo in paradiso!”. Lo diceva nel 1964 Fulvio Bernardini, allenatore del Bologna ed erede dello squadrone “che tremare il mondo fa”, lo potrebbe ripetere nel 2016 Piero Braglia del suo bellissimo Lecce che schianta il Foggia 3-1 e si issa per una notte in vetta alla classifica, facendo “tremare” chi forse pensava di non dover fare i conti con i giallorossi per la promozione diretta. Anche quando gioca bene, il Lecce lo fa a immagine e somiglianza del proprio allenatore: con grinta, solidità e ripartenze.

Il gol di Checco Lepore ha messo la gara sui binari preferiti dai giallorossi, che hanno lasciato l’iniziativa al Foggia puntando a colpire in contropiede. I satanelli hanno sì crossato di più (14-13) e prodotto un maggior numero di palle in area (29-28), ma sono stati molto meno pericolosi negli ultimi sedici metri, quando un fittissimo muro di maglie leccesi si frapponeva ad ogni loro tentativo. Sponda opposta, il Lecce ha avuto ampi squarci di campo per giocare con più libertà e arrivare efficacemente in zona gol: il bilancio dei tiri in porta sintetizza tutto questo con un 7-2 per i padroni di casa, che diventa 12-5 considerando i tiri fuori e/o respinti. Quasi il 70% delle azioni offensive è nato dalla catena di destra, dove la coppia Lepore-Alcibiade ha dato buone prove di affiatamento con 16 palle in area e 8 cross.

Ecco tutte le statistiche di Lecce-Foggia:                                              

TIRI IN PORTA                        Lecce: 7- Foggia: 2

TIRI FUORI E/O RESPINTI Lecce: 5- Foggia: 3

PALLE IN AREA                     Lecce: 28- Foggia: 29

CROSS EFFETTUATI            Lecce: 13- Foggia: 14

FALLI SUBITI                         Lecce: 15- Foggia: 21

CORNER                                  Lecce: 3- Foggia: 6

OFF-SIDE                                Lecce: 2- Foggia: 6

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.