Tempo di lettura: 1 minuto

Piero Braglia

LECCE (di Tiro di Tacco) – È questo il Lecce di Carletto(stavolta sì!) Braglia, concentrato e caratterialmente sul pezzo, è questo che da tifoso mi aspetto da ragazzi allenati da un mister che esalta determinate caratteristiche. Non lo siamo stati nelle ultime due trasferte e credo che i primi a saperlo siano loro stessi. Quando l’impatto sulla partita e la concentrazione è quella giusta, viene facile essere compatti tra i reparti, o riunirsi quando si è in difficoltà. Il Surraco di ieri, al di là del gol o delle giocate che ha nel suo potenziale tecnico, ha lottato sulla sua zona di competenza per tutta la partita impegnandosi in moltissimi contrasti aerei e non ha consentito neppure  giocate semplici all’avversario, quelle che possono rompere gli equilibri.

Il sudamericano, contro la Juve Stabia, è stato molto utile per lo sviluppo tattico della partita, magari perdendo qualcosa a livello personale perché si può non essere appariscente in una gara, ma essere poi determinante tatticamente quando si ha un alto livello di concentrazione e di carattere. È il carattere che personalmente ritengo l’arma migliore del Lecce (non che tecnicamente siamo messi male, anzi…), quell’arma che può  fare la differenza, ma si deve essere al massimo ogni minuto di ogni partita. Reputo che il Lecce la partita con i campani l’abbia vinta già nel sottopassaggio, al di là degli aspetti tattici. 

Concludendo, voglio fare i complimenti a tutti i ragazzi di mister Braglia: da Lepore, a “cuor di leone” Moscardelli,  al “tranquillo randellatore “daquinonsipassa” Cosenza, al bravissimo Legittimo. Vittoria importantissima quella contro la Juve Stabia, in attesa della prossima…
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.