Tempo di lettura: 2 minuti

santa Maria CerrateLECCE – Nella suggestiva cornice dell’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, che sorge sulla Strada Provinciale Squinzano-Casalabate, sono stati presentati la prima fase dei lavori di restauro appena conclusi, i prossimi interventi in cantiere e il progetto di valorizzazione dell’antico complesso monumentale che la Provincia di Lecce ha concesso in affido al FAI – Fondo Ambiente Italiano. Dopo tre anni si è conclusa la prima fase dei lavori di restauro del complesso monumentale.

Nel 2012 la Provincia ha affidato la gestione trentennale di Cerrate al FAI, avviando così una collaborazione tra pubblico e privato allora inedita. Obiettivo della collaborazione: valorizzare l’Abbazia e il suo contesto partecipando al restauro, assicurando la manutenzione, migliorando i servizi, ampliando l’offerta culturale e in generale promuovendo la conoscenza a livello nazionale e internazionale di questo monumento, prezioso fulcro del territorio salentino nella provincia di Lecce.

santa-maria-cerrateLa prima fase dei restauri, su progetto del FAI, è stata finanziata dalla Provincia di Lecce, grazie al contributo europeo di 2.500.000 euro sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007-2013 – “Attrattori culturali, naturali e turismo”. Grazie al finanziamento si è proceduto al restauro e all’adeguamento impiantistico della Casa monastica, che ospiterà l’accoglienza ai visitatori, i servizi e alcuni spazi espositivi, e della Casa del massaro, che manterrà la destinazione didattico–espositiva al piano terra, nel cosiddetto stabilimento, mentre al primo piano ospiterà ambienti allestiti come l’ottocentesca casa del fattore e una foresteria in stile salentino.

Inoltre, grazie a donazioni private, il FAI ha finanziato direttamente la diagnostica e gli studi preliminari, il progetto di restauro – affidato al coordinamento scientifico di Daniela Esposito, Ordinario di Restauro e Direttore della Scuola di Specializzazione di Restauro dei Monumenti dell’Università La Sapienza di Roma -, la direzione lavori e la sorveglianza archeologica.

Tra gli interventi di restauro più rilevanti realizzati: la facciata d’ingresso del complesso abbaziale, che i precedenti lavori avevano dotato di un fronte vetrato e che l’analisi attenta delle tracce conservate ha permesso di restituire all’aspetto originario, come muratura chiusa con finestre, di cui si mantengono i davanzali; la loggia al primo piano della Casa monastica, ora aperta sulla splendida vista della chiesa grazie a un nuovo serramento vetrato di oltre dodici metri di lunghezza; la sopraelevazione della Casa del massaro, che era stata modificata e resa parzialmente inagibile dai restauri degli anni Settanta del secolo scorso. Inoltre, entrambi gli edifici sono stati consolidati e ora rispondono alle norme antisismiche.

Abbazia Santa Maria CerrateDurante i lavori, in occasione di alcuni scavi, eseguiti sotto la sorveglianza di archeologi sono emerse importanti testimonianze della storia più antica dell’Abbazia: resti murari e reperti relativi al monastero del XIV-XV secolo e numerose sepolture nello spazio adiacente la chiesa. La più importante scoperta archeologica è avvenuta nei pressi della Casa del massaro: all’interno di una profonda fossa scavata nella roccia era deposto uno stampo eucaristico integro, con iscrizione graffita in greco, che era usato dai monaci basiliani per marchiare il pane dell’eucarestia.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.