Tempo di lettura: 1 minuto

permeurdisabili2012stampa1~s600x600LECCE – S’infiamma la polemica di numerosi disabili della provincia contro l’Amministrazione comunale di Lecce. Benché muniti del regolare pass per persone invalide, la sera non possono accedere con la propria autovettura nella Ztl, nei pressi di Piazza Sant’Oronzo. Per tale ragione, chi tra loro volesse ammirare l’anfiteatro o prendere semplicemente un caffè al bar, è costretto a parcheggiare il mezzo lontano con tutti i disagi che ciò comporta per persone con gravi patologie.

In teoria il disabile sarebbe autorizzato col suo permesso ad entrare nella Ztl, a condizione però che entro 24 ore comunichi con un fax, o recandosi di persona presso il comando dei Vigili urbani, la targa dell’auto. Se un diversamente abile si vuol recare di sera in piazza Sant’Oronzo dovrebbe quindi fare 30 fax al mese: un assurdo.

“Eppure una soluzione ci sarebbe, – dice il presidente del Comitato Invalidi Civili del Salento, Giuseppe De Matteis, – basterebbe comunicare una sola volta la targa dell’auto del disabile e registrarla nel centralone delle telecamere della zona a traffico limitato e si risolverebbe il problema. peraltro – conclude De Matteis – questa soluzione è attiva da tempo in quasi tutte le città d’Italia, perché non a Lecce?”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.