Tempo di lettura: 2 minuti

melfi-calcioLECCE (di G.De Pandis)- Cancellare il ricordo dell’amara trasferta dello scorso anno e proseguire la risalita dopo la vittoria con l’Ischia. Il Lecce sarà di scena a Melfi nell’ottava giornata di campionato di Lega Pro, sei mesi dopo la sconfitta per 1-0 rimediata dopo il gol nei minuti di recupero di Salvatore Caturano, ora in forza all’Ascoli Picchio in B. I padroni di casa viaggiano al limite della zona playout, occupando il dodicesimo posto con sette punti, a due lunghezze dalla zona rossa rappresentata da Catania, Martina e Juve Stabia.

Il bottino dei gialloverdi è stato costruito totalmente dalle partite casalinghe. Sei punti, infatti, sono frutto delle vittorie tra le raccolte contro Juve Stabia e Martina ed il restante punticino è stato raccolto con la Lupa Castelli Romani. In trasferta la squadra gialloverde ha avuto un rendimento disastroso. Zero punti e ultime due sconfitte maturate contro le dirette concorrenti per la salvezza Ischia e Monopoli.

Quest’anno la guida tecnica è stata affidata a Giuseppe Palumbo, lucano di Venosa. L’allenatore ex Sarnese proverà a far valere la legge dello stadio “Valerio” anche al Lecce di Piero Braglia, alla ricerca della tanto agognata continuità dopo la vittoria casalinga contro l’Ischia.

Contro i giallorossi non ci sarà il terzino sinistro Nicolao, espulso a Monopoli. Amelio, probabile sostituto, comporrà la linea difensiva con il destro Annoni e con i centrali Cason e Di Nunzio.

melfi
L’esultanza gialloverde dopo il temporaneo vantaggio dell’andata

A centrocampo, Palumbo potrebbe riproporre la linea a tre schierata al “Veneziani” con Maimone, Giacomarro e Prezioso. Un’altra opzione tattica è il 4-2-3-1, mostrato in avvio con il duo di mediana Finazzi-Giacomarro davanti a tutti.

L’ago della bilancia della formazione melfitana è l’ex dell’incontro. Eric Herrera, 6 mesi l’anno scorso a Lecce, guiderà il reparto offensivo grazie alla sua abilità tra le linee. Il panamense potrebbe essere la spalla del duo veloce Tortolano-Longo. In caso di scelta per il trio di trequartisti invece sulle fasce agiranno Canotto a sinistra e lo stesso Tortolano a destra, tutti a supporto dell’unico terminale Masini. In seconda battuta, occhio al giovane argentino Lezcano, 19enne con un passato giovanile nel Salento prima di proseguire il suo percorso di crescita al tra Genoa e Torino, dove ha anche esordito in Serie A.

Nel precampionato il Melfi ha incrociato un’altra compagine salentina, il Nardò. A Calvello, sede di un triangolare tra Picerno, Melfi e Nardò, i gialloverdi hanno ceduto il passo al Toro per 0-2 nella mini-sfida giocata su 45′. Era calcio d’estate, il presente parla di una squadra ancora imbattibile in casa. 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.