Tempo di lettura: 1 minuto

xylellaLECCE – Coldiretti Lecce non nasconde la preoccupazione per la grave situazione che ormai da due anni attanagliata l’agricoltura del Salento: “Sollecitiamo la scienza a mettere presto nero su bianco i risultati sulla tolleranza del Leccino alla Xylella fastidiosa. Dati che sembrano più che incoraggianti”. “Dal 2013 – dice il direttore di Coldiretti Lecce, Giuseppe Brillante – l’agricoltura salentina è bloccata dalle imposizioni europee che vietano non solo il reimpianto dell’ulivo ma anche del mandorlo, del ciliegio, oltre ad altre specie che caratterizzano il paesaggio mediterraneo”.

Senza Nome-1“L’area infetta è ormai ben lontana dalla linea tagliafuoco che dovrebbe fermare l’avanzata del batterio – dichiara Brillante che poi aggiunge – Appare incomprensibile il divieto di impianto di ulivi e di altre piante da frutto, così come appare assurdo non poter piantare barbatelle e piantine di ortaggi acquistate dai vivai salentini e si è invece costretti a comprarle da fuori regione”. “Non chiediamo il finanziamento per il reimpianto ma ci battiamo per la libertà di scelta imprenditoriale dei coltivatori salentini. Non dare questa libertà – conclude Brillante – significa costringere all’inattività economica soprattutto dove la patologia ha colpito gravemente”.

“Il desiderio di mettere a dimora nuove piante – dice il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno  – è sintomo di una voglia di riscatto e del recupero di un giusto rapporto con l’ambiente e il territorio da parte del popolo salentino. Questi sentimenti vanno valorizzati e non possono essere soppressi da un divieto che ad oggi non ha più senso”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.