Tempo di lettura: 2 minuti

astaLECCE (di Silvia Famularo) – I  numeri del Lecce sono impietosi: 6 punti in 6 partite, 4 gol segnati e 8 subiti, per un ruolino di marcia non certo esaltante che è la dimostrazione di come la squadra giallorossa sia ancora un’incompiuta senza una sua precisa identità. Ieri il Lecce è sembrato fare un passo indietro sul piano del gioco rispetto alla prova contro il Catania per colpa certamente di una formazione che è parsa inadeguata all’impegno e alle condizioni oggettive della squadra ma non solo per questo. Senza l’attacco titolare, è incomprensibile la scelta dell’allenatore di lasciare in panchina Papini (subentrato nel secondo tempo quando ormai si era in 10) e Salvi schierando un centrocampo troppo leggero per reggere una gara fuori casa; utilizzare Surraco da trequartista e non nel suo ruolo naturale di esterno di attacco quando c’è Vècsei è sembrata una scelta sbagliata… ma oggi è inutile soffermarsi a considerare i dati tecnici, ieri sono stati moltissimi i tifosi e gli addetti ai lavori che lo hanno fatto.

Tornare da Foggia con un passivo così pesante non può non essere devastante per il morale della dirigenza, della squadra e della tifoseria ma attenzione ai pericolosi isterismi. Pare evidente che stiamo vivendo un campionato di transizione, l’entusiasmo generato nell’ambiente dal cambio di dirigenza, dalla campagna abbonamenti a prezzi stracciati e dalla stampa amica ha creato delle aspettative troppo alte nei tifosi che forse hanno dimenticato le insidie di un campionato come la Lega Pro. A questo punto appare inutile ed anche dannoso “buttare il bambino con l’acqua sporca”.

I prossimi turni, l’Ischia in casa, il Melfi fuori e poi il Monopoli, saranno affrontati dal Lecce con il ritorno degli attaccanti titolari, avere ancora pazienza è d’obbligo, cambiare adesso l’allenatore potrebbe essere ancor più devastante. Fiducia a tempo dunque a mister Asta e appoggio alla nuova dirigenza ancora non insediata e con ancora l’incertezza dei ruoli.

L’Unione Sportiva Lecce intanto ha deciso di rinviare la ripresa degli allenamenti inizialmente prevista per questa mattina a Martignano. B’Asta così?

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.